Gestiva la piazza di spaccio di Mondragone e tagliava la cocaina dalla stanza dell’albergo: 3 arresti e sei indagati

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri di Mondragone, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, con la quale veniva applicata la misura della custodia in carcere a carico di D.C. (cl. 95) e quella degli arresti domiciliari a carico di V. S. (cl. 92) e S.R. ( cl. 72), peraltro già detenuti per reati della stessa specie, perché ritenuti responsabili di numerosi episodi di cessione di sostanze stupefacenti, del tipo marijuana, hashish, crack e cocaina sul territorio mondragonese.
Contestualmente è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a carico di altri sei indagati, deferiti a piede libero, nell’ambito dello stesso procedimento.
Le indagini, dirette da questa Procura, hanno avuto inizio nel settembre 2016 e si sono protratte fino al febbraio 2017 e sono consistite principalmente in attività di intercettazione telefonica delle utenze in uso agli spacciatori, indagine tecnica rivelatasi particolarmente proficua, essendo stata riscontrata da servizi di osservazione, controllo e pedinamento da parte dei militari operanti, nonché da sequestri di sostanze stupefacenti, arresti in flagranza e dichiarazioni rese dalle persone che stabilmente si rivolgevano agli indagati per l’acquisto di sostanza, con cadenza pressoché quotidiana.
Le evidenze investigative hanno consentito di ricostruirne la gestione del mercato della droga sul territorio mondragonese, piazza di fatto ripartita tra loro, atteso chat, alcuni degli indagati gestivano la vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti di tipo “pesante” ed altri di tipo “leggero”.
Rilevanti sono stati i quantitativi di droga recuperata nel corso dell’indagine nonché delle somme di denaro contante sequestrate. A fini esemplificativi, uno degli indagati, aveva avuto la possibilità di affittare una camera di un noto albergo mondragonese per farla diventare luogo adibito al taglio ed allo spaccio dello stupefacente.
Durante l’esecuzione dell’ordinanza, i Carabinieri hanno effettuato sei perquisizioni domiciliari a carico degli indagati, anche all’interno dei noti “palazzi azzurri” di via Palermo di Mondragone, conclusesi con esito positivo, rinvenendo complessivamente 300 grammi di Hashish, 200 grammi circa di Marijuana ed una piantina coltivata all’interno dell’abitazione di uno degli indagati, nonché n. 8 colpi di pistola calibro 9×21.


telegram

LIVE NEWS

Napoli. arriva il primo idrante smart a Scampia: a fine anno saranno 150

Napoli, al via la rivoluzione smart per gli idranti...
DALLA HOME

Zielinski saluta il Napoli dopo otto anni: “Grazie, è ora di dirci addio”

"Time to say goodbye". Con queste parole, il centrocampista polacco Piotr Zielinski ha ufficialmente dato il suo addio al Napoli, club in cui ha militato dal 2016, quando fu acquistato dall'Empoli. Accompagnato da un cuore azzurro, Zielinski ha ringraziato la città e i tifosi con un "Grazie Napoli". Il suo...
TI POTREBBE INTERESSARE

ULTIME NOTIZIE