Contrasse la legionella in carcere, lo Stato dovrà risarcire detenuto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Ministero della Giustizia dovra’ risarcire un ex detenuto che si ammalo’ di legionella quando era recluso nel carcere di Alba. Lo ha deciso il tribunale di Torino. L’uomo, 45 anni, nel maggio 2011 si era costituito per scontare una pena di 14 mesi e si era ammalato nel dicembre dello stesso anno. “E’ stato riconosciuto il nesso di causa tra la detenzione e la malattia, che viene sempre negato dalle strutture, che siano carceri, ospedali o alberghi”, spiegano gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dello studio Ambrosio&Commodo, che insieme all’avvocato Claudio Novaro seguono il procedimento. L’uomo aveva iniziato a tossire, a sentirsi debole, ad essere confuso. Curato nell’infermeria del carcere e tenuto in isolamento per alcuni mesi, nel gennaio 2012 e’ stato ricoverato in ospedale per legionella. “Una volta scontata la pena, avrebbe voluto tornare a lavorare. Invece sta ancora male e ha avuto danni neurologici”, dicono gli avvocati, che intendono “risollecitare la Corte d’Appello per integrare il risarcimento del danno”. Nel 2016, sempre nel carcere di Alba, erano stati accertati quattro casi di legionella a causa di un problema alle tubature dell’impianto idrico. La casa circondariale era stata chiusa per consentire le operazioni di bonifica.


Torna alla Home


Una sentenza storica della Corte di Cassazione ha condannato l'Ospedale Piemonte e Regina Margherita di Messina al risarcimento di oltre un milione di euro ai familiari di un paziente deceduto a causa di epatite C contratta dopo una trasfusione di sangue infetto. Il paziente, sottoposto a un intervento chirurgico di...
In una lettera aperta pubblicata sull'account Instagram della Curva Sud Milano, Luca Lucci, capo degli ultras rossoneri, ha espresso il desiderio di cambiamento alla guida tecnica del Milan. Lucci inizia la sua lettera ricordando i meriti dell'attuale allenatore, riconoscendogli il merito di aver vinto uno degli scudetti più significativi...
Un tentato femminicidio si è verificato ieri pomeriggio lungo la strada statale 126 a Carbonia nei confronti di una donna di 45 anni. Mentre era al telefono con le forze dell'ordine, l'uomo da lei precedentemente denunciato per stalking e minacce l'ha seguita per le strade della città e ha cercato...
La storia raccontata da una studentessa del Liceo Scientifico Filolao di Crotone parla della sua storia

IN PRIMO PIANO