Napoli, risolto il giallo del cadavere ritrovato nel pozzo a Miano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Era di uno sfortunato anziano di Miano il cadavere ritrovato nelle scorse settimane in un pozzo nell’ex fabbrica della birra Peroni a Miano. Risolto quindi il “cold case” che sembrava avesse tutti i connotati della classica scomparsa per lupara bianca della camorra. Il cadavere è stato identificato e si tratta di un 70enne della zona scomparso 2 anni fa in circostanze allora apparse misteriose e che ora possono essere lette in maniera diversa.
L’ uomo infatti, come ricostruisce Il Roma, era sofferente di  crisi depressive: si allontanò da casa e non tornò più tra la disperazione dei familiari. Forse si suicidò lasciandosi morire in un piccolo pozzo  nella zona della ex Birra Peroni; oppure inciampò, cadde battendo la testa e non riuscì a risalire morendo nel pozzo. Sono stati gli operai dell’Abc, in zona per la risistemazione della rete idrica, a ritrovarlo il 24 luglio scorso e ad avvertire le forze dell’ordine. Dopo due settimane il giallo è rosolto con la sua idetificazione.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE