Napoli e Provincia

Napoli, baby gang a bordo della Cumana senza biglietto, fermata dalla polizia: chiede scusa







“Il comportamento indegno del gruppo di giovani che, a bordo di un convoglio della Cumana, senza pagare neanche il biglietto, hanno creato scompiglio tra i passeggeri e il personale di bordo, doveva essere punito in un modo ben diverso da come si e’ concluso perche’ se si continua a trattare come ‘ragazzate’ comportamenti incivili e illegali, si rischia di alimentare questi comportamenti che, invece, vanno puniti con la massima severita’”. Lo rende noto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “stupisce che, nonostante l’intervento della Polizia, quei ragazzi se la siano cavata semplicemente chiedendo scusa al personale di bordo e ai passeggeri, mentre, stando al racconto del capotreno, c’erano le condizioni per mandarli a processo per reati quali l’interruzione di pubblico servizio e offese a pubblico ufficiale”. “Il presidente dell’Eav, De Gregorio, che tanto sta facendo per rilanciare la Cumana e le altre linee gestite dall’Eav non deve sottovalutare il fenomeno del bullismo e delle baby gang e deve mettere in campo azioni straordinarie con l’aiuto delle forze dell’ordine che devono cominciare a setacciare i mezzi dell’Eav con agenti in borghese coordinati da una task force con Prefettura e Questura. Bisogna fronteggiare questo fenomeno con le maniere forti” ha aggiunto Borrelli per il quale “chiaramente i controlli non devono concludersi come quelli che ci sono stati sulla Cumana questa mattina”.

Google News

Maddaloni, misterioso incendio di materiale plastico in un deposito: nube nera su tutta la zona

Notizia precedente

Sta bene il bimbo volato giù dal quarto piano: si grida al ‘miracolo’

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..