Detenuto in attesa di giudizio suicida nel carcere di Taranto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe, comunica che “ieri, venerdi’ 17 agosto, nel carcere di Taranto un detenuto di circa 40 anni, di origini tarantine e in attesa di giudizio per reati contro il patrimonio, si e’ impiccato verso le ore 14 nella propria stanza, approfittando del fatto che gli altri ospiti erano fuori per l’ora d’aria”. “Da mesi – evidenzia il sindacato – denunciamo la grave situazione di sovraffollamento del carcere di Taranto, forse il piu’ frequentato della nazione”, a cui “fa da contraltare il minor organico di polizia penitenziaria che non consente di controllare e gestire nulla”. Il Sappe sottolinea che la “sezione” in cui era detenuto l’uomo che si e’ suicidato e’ “una delle piu’ affollate” con “oltre 65 detenuti”. In questa sezione, evidenzia il sindacato, “un agente da solo percorre decine di chilometri al giorno andando su e’ giu’ per una serie di incombenze a partire dalle docce”. “Eppure – prosegue il sindacato – nonostante questo incessante e massacrante lavoro, l’agente di servizio nella sezione ha avuto la percezione che qualcosa di grave stesse accadendo” e “nonostante fosse da solo, con grande coraggio, ha aperto la stanza e si e’ catapultato nel bagno dove ha trovato il detenuto con un cappio al collo, ricavato da un lenzuolo ben legato alle grate della finestra”. “Non era ancora morto – conclude il sindacato – ed il poliziotto con grande sangue freddo lo ha liberato per praticargli il massaggio cardiaco, lanciando nel contempo l’allarme. Purtroppo tutto cio’ non e’ servito a nulla”.


Torna alla Home


Pusher marocchino arrestato a Napoli: trovato in possesso di crack

Nelle vie del quartiere San Lorenzo, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Stella hanno messo fine alle attività di spaccio di droga di un individuo ben conosciuto alle forze dell'ordine. Si tratta di un giovane di 29 anni di origine marocchina, già noto per precedenti reati legati allo...

Campi Flegrei, il sindaco di Pozzuoli: “Nessun danno, ma poco sereni per le scosse”

Dopo un'intensa attività sismica registrata nelle ultime ore, il sindaco di Pozzuoli, Luigi Manzoni, ha fornito rassicurazioni alla cittadinanza confermando l'assenza di danni e sottolineando la continuità delle operazioni di monitoraggio e prevenzione. Secondo i dati rilasciati dall'Osservatorio Vesuviano, sono state registrate 17 scosse a partire dalle 3:20 di...

Scarcerato Emanuele Libero Schiavone uno dei figlio di Sandokan

Emanuele Libero Schiavone ha concluso la sua condanna dopo 12 anni di carcere ed è tornato a Casal di Principe

Napoli, fallito omicidio di via Cesare Rossaroll: arrestati in due

In manette sono finiti Alfonso Attanasio, 26 anni e Giuseppe Catone di 42 anni: sono accusati del tentato omicidio di Giuseppe Verde

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE