Uccise e fece a pezzi due boss del contrabbando: condannato all’ergastolo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nonostante il suo recente pentimento Domenico D’Andò detto o’ chiatto, 24 anni, è stato condannato al carcere a vita. Il giovane, che è nipote di Pietro Caiazza ras del clan Amato-Pagano e figlio di Antonino, vittima di lupara bianca nell’ambito della prima faida di Scampia tra il clan Di Lauro e gli scissionisti, è accusato di aver ammazzato e fatto a pezzi nella sua casa di Giugliano i due boss del contrabbando Luigi Ferrara e il suo socio Luigi Rusciano insieme con il suo complice minorenne Aniello I. di Acerra condannato nel marzo scorso dal Tribunale per i minori a 15 anni di carcere. I corpi dei due di Mugnano e Casoria furono ritrovati il 16 febbraio scorso fatti a pezzi e seppelliti in contrada Franzese di Afragola. Una operazione da “macelleria messicana” per sbarazzarsi dei corpi dei due che avevano “sgarrato” con i clan dell’area Nord di Napoli.  D’Andò ha fatto i nomi di quelli che lo avevano aiutato ma anche i mandanti di quell’orrendo omicidio, ma tutto questo nel processo di primo grado non gli è servito per evitargli il massimo della pena.



LIVE NEWS

Campi Flegrei esercitazione di protezione civile a giugno

Napoli. Il prefetto annuncia una esercitazione di protezione civile...
DALLA HOME

Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10eLotto del 30 maggio

Ecco le estrazioni del Lotto di oggi 30 maggio: BARI 31 83 04 17 66 CAGLIARI 29 48 75 49 10 FIRENZE 31 49 43 18 11 GENOVA 52 45 35 49 85 MILANO 74 01 45 03 33 NAPOLI 71 89 12 04 32 PALERMO 28 37 90 11 41 ROMA 26 68 83 39 75 TORINO...

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE