Omicidio Errico, la moglie del killer al telefono: “Lui oramai il pensiero che la galera se la deve fare lo tiene…”. LE INTERCETTAZIONI

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Lui oramai il pensiero che la galera se la deve fare lo tiene…”, diceva al telefono, senza sapere di essere intercettata, così come tutti i familiari, la moglie di Nicola Spina, arrestato insieme con il fratello Anthony a Scalea in Calabria dove si erano rifugiati. Sono accusati di essere gli assassini del 19enne Emaunele “Pisellino” Errico avvenuto il 26 aprile scorso in via Chiaro di Luna nel rione Conocal a Ponticelli. I due oggi compariranno davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia. A mettere gli investigatori sulle tracce dei due fratelli era stata la coraggiosa denuncia della mamma della vittima che pochi giorni dopo l’omicidio si era presentata i carabinieri e, come riporta Il Roma, aveva raccontato:  “Quando sono scesa in strada sentendo gli spari, ho notato un’automobile blu fuggire dal luogo dell’agguato e sono riuscita a distinguere al suo interno due giovani. Al lato passeggero ho riconosciuto Antony Spina, un ragazzo che mio figlio frequentava spesso al pari del fratello Nicola. Sono certa che si tratti di lui: nel rione è soprannominato ’o cecchetto o o’ cecato”. A fare fuoco secondo gli investigatori sarebbe stato proprio lui. Nonostante la sua giovanissima età_ 18 anni appena compiuto, era considerato un duro nel quartiere. Il suo profilo facebook è un corollario di violenza: “Se provochi un leone poi non lamentarti se ti sbrana”, aveva scritto qualche mese fa. La lite e il conseguente assassinio con Emanuele ‘Pisellino’ Errico era nata sulla divisione dei proventi dei furti e rapina che la giovane gang del Conocal commetteva in giro. La vittima il giorno prima di essere ammazzato (qualche mese prima aveva posta sul suo profilo facebook: ‘Conocal, qui sono nato e qui morirò’) aveva incendiato per vendetta il motorino dei due fratelli Spina parcheggiato sotto il loro palazzo. Il fumo aveva costretto le famiglie dei due fratelli ad andarsene. Così decidono di punire il colpevole e vanno dal titolare di un supermercato di fronte casa di vedere i filmati del­le telecamere di video sorveglian­za. Quei filmati inchiodano Erri­co, riconosciuto anche perché ha un’andatura “dondolante”. Il gior­no dopo scatta l’agguato nonostante sapessero dell’esistenza della telecamera. E’ la stessa che li riprende in azione.Qualche giorno dopo la madre della vittima va dai cara­binieri e dice di averli visti uccidere il fi­glio.
E così Anthony e Nicola spariscono dal quartiere: vanno pri­ma da parenti a Castel Volturno, poi da altri familiari in via Nazio­nale a Poggioreale, infine a Scalea. Si dividono, poi si riuniscono in attesa di un viaggio definitivo in Germania. Tutta la famiglia parla di loro al telefono e senza precau­zioni. Anche Nicola Spi­na, parla: “Se mi dovevano fare l’agguato già me lo avrebbero fat­to”. Ma la loro fuga ha creato problemi anche alla famiglia. Il pa­dre ce l’ha con Nicola perché “è andato in Calabria e si è portato tutti i soldi senza pensare a nessu­no”. E infine la suocera parla con la fi­glia (e madre delle due bambine di Nicola) per convincerla a pen­sare a se stessa e alle piccole: “Si sono cacciati in una cosa più gros­sa di loro. Era meglio che Nicola diceva dal primo momento: è suc­cesso, è stato uno sbaglio, non so­ no stato io. Non lo pensasse al fra­tello (Anthony) perché il fratello secondo me gli ha fatto fare la ta­rantella”.


Torna alla Home


Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE