Napoli, torna a casa il boss del clan Mazzarella

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. E’ tornato a casa il boss Salvatore Barile, uno dei capi del clan Mazzarella e nipote di Vincenzo o’ pazzo. Ha ottenuto gli arresti domiciliari nonostante una condanna definitiva e nonostante si fosse dato alla latitanza due anni fa per evitare le manette. Colui che viene indicato dagli investigatori e dai pentiti come il reggente della zona del Connolo al confine con Poggioreale era stato catturato a Pietrelcina. Il suo avvocato, Domenico Dello Iacono, è riuscito ad ottenere l’attenuazione della misura cautelare dal Tribunale di sorveglianza di Viterbo. Era stato condannato a 4 anni di carcere per associazione camorristica. E ora torna a casa. Barile fu arrestato i un ristorante di Pietrelecina dove era a pranzo insieme con i familiari. Era il periodo pre natalizio del 2016 e il boss aveva il desiderio di vedere la figlioletta per darle il regalo. Ma quelle ” festa” fu interrotta dall’arrivo delle forze dell’ordine. Nel frattempo in carcere è finita anche la moglie Mariarca Riera per la quale sono stati chiesti di recente 6 anni di carcere, così come per la madre di Barile, Luisa Mazzarella. le due donne sono accusate di aver depistato le indagini sull’omicidio di Andrea Ottaviano (parente dei Mazzarella) ucciso a Forcella l’11 giugno 2011.



LIVE NEWS

Castellammare, i candidati sindaci: “La camorra va tenuta lontana dalle comune”

Castellammare. Una posizione netta di condanna alla camorra e...
DALLA HOME

Benevento, cibo gourmet al Castello di Limatola con gin drink di Beppe Vessicchio

Nel suggestivo scenario delle antiche stalle del Castello di Limatola, in provincia di Benevento, apre Doremì, un ristorante fine dining che promette un'esperienza culinaria unica. Questo nuovo gioiello gastronomico, ideato come un regno di delizie, è guidato dallo chef Giacomo Ignelzi, noto per la sua abilità nel fondere tradizione...

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE