Napoli, reparto chiuso in ospedale Il M5s e Borrelli attaccano la direzione sanitaria

SULLO STESSO ARGOMENTO

“La vicenda del primario della chirurgia vascolare dell’Ospedale del Mare, che avrebbe fatto chiudere il reparto per consentire all’intero personale medico e infermieristico di partecipare alla festa organizzata per celebrare il suo incarico, ha innescato un gioco a scaricabarile in capo a un unico capro espiatorio. Senza nulla voler togliere alle gravissime responsabilita’ del primario, abbiamo oggi chiesto alla giunta regionale di accertare le responsabilita’ in capo al management del presidio, che non poteva non essere a conoscenza che tra ferie autorizzate e malattie di medici e infermieri, un intero reparto e’ stato sguarnito e tutti i pazienti sono stati trasferiti. Ai sensi della delibera 170 del 2007, l’interruzione della erogazione del servizio puo’ avvenire solo per gravi e giustificati motivi. Deve essere esplicitamente prevista in un documento aziendale che ne deve definire e approvare le procedure, non puo’ verificarsi senza l’approvazione del direttore sanitario del presidio, che e’ tenuto a informare la direzione aziendale. A sua volta, la direzione sanitaria deve informare l’assessorato alla Sanita’ che inviera’ le informazioni al ministero della Salute. Se ne deduce che il direttore sanitario non puo’ sottrarsi alle sue responsabilita’, limitandosi a dichiarare di non essere a conoscenza degli accadimenti”. E’ quanto dichiarato dalla consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino nel corso del question time. “Alle nostre legittime domande in aula, la giunta non e’ stata in grado di risponderci sul perche’ non si siano avviate procedure per accertare la filiera della responsabilita’ di un management aziendale che non si e’ accorto che un intero reparto aveva ferie autorizzate e personale in malattia tali da comportare la chiusura di un reparto. Ne’ su cosa si stia facendo per ovviare all’inefficienza e all’inadeguatezza organizzativa della dirigenza aziendale al fine di evitare che casi come questo si ripetano. Casi che ci dicono che non esiste alcun presidio della struttura, che un primario puo’ perdere la testa e fare follie, mettendo a rischio la vita dei pazienti o non fornendo adeguata assistenza, mentre la direzione aziendale non sa nulla”.

“Vadano avanti le indagini interne, quelle dei carabinieri del Nas e quelle della magistratura perche’ la vicenda del reparto chiuso in occasione della festa del primario non puo’ ritenersi conclusa con la revoca dell’incarico al dottor Pignatelli”. Lo ha ribadito, nel corso del Question time, nell’aula del Consiglio regionale, il consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanita’ che ha denunciato la vicenda. Secondo l’esponente della maggioranza “vanno ricercate e punite tutte le responsabilita’, senza guardare in faccia a nessuno, con la stessa inflessibilita’ mostrata nei confronti del primario”. “Quello del reparto chiuso e’ un ‘evento sentinella’, cosi’ come lo ha definito il direttore sanitario dell’Ospedale del Mare, Giuseppe Russo, di cui tener conto per avviare un’indagine ad ampio raggio che, a mio parere, deve permettere di capire se quello che e’ successo nel reparto di Chirurgia vascolare sia solo un caso isolato o ce ne siano stati altri” ha aggiunto Borrelli ribadendo che “non e’ una crociata contro qualcuno e non si mettono in discussione le qualita’ professionali del dottor Pignatelli, ma e’ evidente che il suo comportamento non ha avuto alcun rispetto della sua professione e dei pazienti che aveva in cura”.






LEGGI ANCHE

Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE