Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Avellino e Provincia

In fuga dalla Romania dopo una condanna: arrestato in Irpinia

Pubblicato

il

romania


Per sfuggire alla giustizia del suo Paese, che lo aveva condannato a due anni e tre mesi di reclusione, era fuggito in Italia trovando rifugio in provincia di Avellino. Si e’ conclusa stamattina la fuga di un 22enne di nazionalita’ romena che gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Avellino hanno rintracciato a San Martino Valle Caudina e, in forza del mandato di cattura europeo spiccato nei suoi confronti, lo hanno arrestato e trasferito nel carcere avellinese di Bellizzi. Nel luglio del 2017, il giovane, originario di Craiova, si era reso responsabile di tentato omicidio nei confronti di un suo connazionale: nel corso di una lite per futili motivi all’interno di un bar della citta’ romena, aveva inferto numerose coltellate alla vittima che per fortuna non colpirono organi vitali. Nei prossimi giorni, con l’attivazione delle procedure per l’estradizione, verra’ trasferito in Romania a disposizione degli organi giudiziari del suo paese d’origine.

Continua a leggere
Pubblicità

Primo Piano

Addetto alla sala mortuaria dell’ospedale di Ariano Irpino trovato morto in casa

Pubblicato

il

sala mortuaria,ariano irpino
foto di repertorio

Addetto alla sala mortuaria dell’ospedale Sant’Ottone Frangipane trovato cadavere in casa: salma sotto sequestro in obitorio, indagini in corso.

L’hanno trovato privo di vita in casa, riverso sul pavimento con il suo cane disperato e impaurito accanto a lui. La tragedia in via Adinolfi, zona centralissima della città ad Ariano Irpino. Antonio Zerella, 56 anni dipendente dell’ospedale Sant’Ottone Frangipane, in servizio nella sala mortuaria e portineria sarebbe stato colto da malore, in casa. E’ stata sua sorella, l’ultima che lo ha sentito al telefono a notare che qualcosa non andava.

Ha allertato lei i soccorsi pur essendo stata rassicurata in un primo momento dal fratello. Non voleva dare fastidio a nessuno: “Non chiamare l’ambulanza poi vediamo nel pomeriggio – le avrebbe detto.” Ma dopo queste parole Antonio non ha risposto più al telefono.

A fare la triste scoperta è stato il maresciallo della polizia municipale Alessandro Rossi. E’ stato lui ad entrare per primo nell’appartamento, facendo irruzione da un balcone laterale mediante una scala.

Sul posto insieme alla polizia municipale i sanitari del 118, i vigili del fuoco di Ariano e Grottaminarda, il sovrintendente della polizia municipale Luigi Pietrolà insieme all’agente Fabrizio Coppola e il medico legale Carmela Giordano incaricato dalla procura di Benevento. Indagini in corso. Salma sotto sequestro, trasportata in obitorio e sottoposta a tampone post mortem.

 Gustavo Gentile

Continua a leggere

Le Notizie più lette