🔴 ULTIME NOTIZIE :

A Somma Vesuviana rapina al bar tabacchi “Quinson Bar”

Somma Vesuviana. Questa mattina i carabinieri della sezione radiomobile di castello di cisterna sono intervenuti in Via san Sossio per una rapina nel bar tabacchi “Quinson Bar”. Poco prima, sconosciuti armati avrebbero minacciato una dipendente e portato via decine di stecche di sigarette di varie marche. Rapinato del suo cellulare...

Il fratello di Borsellino: “Spero anche in Di Maio”

“Non c’é stata mai una vera volontà di combattere la mafia migliorando e portando avanti […]

    “Non c’é stata mai una vera volontà di combattere la mafia migliorando e portando avanti quei provvedimenti legislativi che erano nati proprio grazie al lavoro di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone. Tutto questo non c’è mai stato, non c’è stata mai una volontà corale dei Governi che si sono succeduti dalla fine della guerra ad oggi di combattere veramente la mafia” Lo ha affermato il fratello del giudice Paolo Borsellino, Salvatore Borsellino ai microfoni di Sky TG24 rispondendo alla domanda se ci sia stata negli anni, e oggi con l’attuale Governo, la giusta attenzione alla lotta alla mafia. E alla domanda su cosa chieda a questo Governo, Borsellino ha risposto: “due parole, verità e giustizia. Sono cambiate tante cose in quest’ultima tornata elettorale, ci sono tanti giovani e io dei giovani mi fido e spero che riescano a cambiare tante cose. Anche perché tanti di questi giovani io li ho incontrati nei meetup”.(AdnKronos) – “Quando all’inizio, 20 anni fa – prosegue Salvatore Borsellino – andavo in giro per l’Italia a parlare di verità e giustizia, erano solo loro a invitarmi, Luigi Di Maio era stato uno di quei ragazzini, veri e propri ragazzini, che mi avevano invitato a Pomigliano d’Arco per parlare di verità e giustizia”. Di Maio è un interlocutore del Governo oggi in questo senso? “Sì – ha proseguito Borsellino – io sicuramente spero che sia un mio interlocutore, come spero che sia un mio interlocutore quella Giulia Sarti che era stata anche lei un’attivista delle Agende Rosse e che oggi è presidente della commissione Giustizia alla Camera, quindi tante cose sono cambiate e tante spero che ancora cambino”.

    Iscriviti alla Newsletter

    Ogni mattina le ultime notizie nella tua posta elettronica

    Dopo 14 anni su disposizione della Procura antimafia di Napoli la Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di: Vincenzo Cece   detenuto presso la Casa Circondariale di Asti e Domenico Amitrano, detenuto presso la Casa Circondariale di Catanzaro. I destinatari sono gravemente indiziati dell’omicidio a colpi d’arma da fuoco di Pasquale Palermo, di 59 anni consumato il 6 febbraio 2009 in piazza Aprea angolo via Cupa San Pietro. Le indagini, svolte con attività tecniche e sviluppando le dichiarazioni di alcuni collaboratori...
    La gestione e valorizzazione del Complesso e del Parco del Real Polverificio Borbonico di Scafati sono tra gli interventi che il Parco archeologico di Pompei che ha competenza sull’area, sta mettendo in campo già dal 2019, e che sono stati oggetto anche dell’incontro di questa mattina tra il Prefetto Antonio D’Acunto, Commissario prefettizio del Comune di Scafati e il Direttore Gabriel Zuchtriegel. Un incontro utile per esaminare le azioni già intraprese e in fase di avvio come la riqualificazione dell’Ex essiccatoio iniziato in questi giorni e il progetto di agricoltura sociale, al fine di valorizzare congiuntamente uno tra i più...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche