Oroscopo di oggi 17 aprile 2024

Camorra , i due fratelli Spina erano pronti a scappare in Germania. LE INTERCETTAZIONI

SULLO STESSO ARGOMENTO

Erano pronti a scappare in Germania i due fratelli Nicola e Antonio Spina di Ponticelli arrestati a Scalea dove si erano rifugiati negli ultimi tempi dopo vari spostamenti subito dopo l’omicidio che avevano commesso di Emanuele ‘Pisellino’ Errico. Ci sono una serie di intercettazioni tra cui quelli di alcuni familiari che incastrano i due e che hanno portato i carabinieri al loro ultimo rifugio. Lo zio Antonio che abita nella zona di Poggioreale e che aveva ospitato durante la fuga uno dei due fratelli parlando con un suo amico aveva detto: “Ha detto, Tonino, te la vedi tu con questi qua in Germania? Davvero fai?, ho detto io. Sono nelle mie mani, li butto… te li togli di mezzo… “. E l’amico di rimando gli dice: “Ma perché, ora te ne vai di nuovo in Germania?”. Ma a far scattare l’allarme degli investigatori sulla possibile fuga all’estero dei due è stata un’intercettazione tra la moglie di Nicola e la mamma: “Lui ha detto che se ne vuole andare fuori. Non può stare in eterno, se lo vengono a prendere oppure no”, confida la donna alla mamma che però replica: “Ma se ne può andare pure fuori, ma prima lui, con te non è cosa ancora. Deve andare prima lui, deve trovare lavoro, deve trovare casa e poi puoi andare anche tu”.

Affari, e litigi, legati a storie di motorini rubati e riciclati. Ci sarebbe tutto questo dietro il duplice agguato che i fratelli Nicola e Anthony Spina misero in atto la sera del 26 aprile nel rione Conocal. Le vittime prescelte furono Emanuele Errico, 19 anni, che quella sera mori’, e Rosario Denaro, che rimase ferito alla gamba. I due furono ritenuti ‘colpevoli’ di aver bruciato i motorini degli Spina e per questo meritavano di essere uccisi. Oggi i fratelli sono stati arrestati dai carabinieri, in Calabria. Avvenne tutto poco prima delle 20. Errico era ai domiciliari per droga in quel periodo. Evase, fu rincorso e ucciso sotto casa: un solo colpo alla spalla con una pistola semiautomatica. Chi era con lui, Rosario Ciro Denaro, di Volla , anche lui gia’ noto alle forze dell’ordine per droga, fu raggiunto da un proiettile alla gamba sinistra. I militari dopo mesi di indagine hanno scoperto cosa c’era dietro quel duplice agguato. Tra le due bande c’erano gia’ da tempo tensioni per la spartizione degli affari e dei guadagni, culminate, pero’, la sera del 25 aprile, il giorno prima dell’omicidio. Nel vano scale di un caseggiato popolare furono incendiati i motorini dei fratelli Spina: l’incendio fu cosi’ grosso che danneggio’ anche alcuni appartamenti. Gli Spina avviarono delle vere e proprie indagini: riuscirono a farsi consegnare le immagini di un sistema di videosorveglianza di un negozio che stava nella zona e, cosi’, scoprirono che i loro scooter erano stati bruciati da Errico e Rosario Denaro. Da qui la punizione ed il duplice agguato. I fratelli Spina scapparono la sera stessa del 26 aprile. Nei primi giorni si rifugiarono nel Casertano, nella zona di Castel Volturno, poi furono ospitati in una zona di Poggioreale, quartiere di Napoli, e dopo ancora, ad inizio giugno ancora in un’altra casa dello stesso quartiere. Poi, e’ stata la volta della Calabria. Verso la fine di giugno le strade dei due fratelli in fuga si dividono: Nicola Spina, 22 anni, con moglie e figli va a nascondersi in Calabria, mentre del 18enne si perde ogni traccia. All’inizio di luglio, la svolta. I fratelli si riuniscono a Scalea, in uno degli appartamenti di un parco di villette a schiera; insieme avevano cominciato a ideare un progetto di fuga all’estero. I carabinieri hanno organizzato rapidamente tutti i dettagli per la cattura, “coprendo” tutte le possibile vie di fuga: il piu’ giovane e’ stato bloccato mentre usciva a piedi in direzione di Scalea; stessa sorte per il fratello piu’ grande, sorpreso nell’abitazione con la moglie e i due figli piccoli. Il gip di Paola ha convalidato il fermo e disposto per i 2 la custodia in carcere.

(nella foto Antonio Spina)


Torna alla Home


Video con oltre 600milioni di visualizzazioni ‘rompe’ l’algoritmo di TikTok

L'imprevisto fenomeno virale di Leah Halton su TikTok Nell'odierna era digitale, la popolarità su piattaforme come TikTok è guidata da algoritmi complessi e spesso misteriosi. Recentemente, tuttavia, un fenomeno singolare ha fatto la sua comparsa, facendo oscillare le regole stabilite. Parliamo del video di Leah Halton, pubblicato il 6 febbraio,...

Arbitri Serie A: a Colombo il derby tra Milan e Inter, Manganiello dirige il Napoli

Il tanto atteso derby milanese tra Milan e Inter, che potrebbe decretare lo scudetto per i nerazzurri, sarà diretto da Andrea Colombo. Il posticipo della 33esima giornata, in programma lunedì alle 20.45 a San Siro, vedrà il fischietto della sezione di Como guidare la sfida tra le due squadre...

Auriemma: “Conte al Napoli? Ci sta pensando. Vuole Ciro Ferrara come secondo, lo ha già contattato…”

Durante la trasmissione "Si Gonfia la Rete" su Radio Crc, Raffaele Auriemma ha gettato luce su alcune dinamiche in corso nello spogliatoio del Napoli, sollevando interrogativi sul futuro della squadra e sulle mosse della dirigenza partenopea. Secondo Auriemma, il clima nello spogliatoio non è più quello cordiale di un...

Fondazione Banco Napoli: visita console Usa per portare il museo negli States

Napoli e Stati Uniti ancora più vicini. Domani alle 12 a Palazzo Ricca, sede della Fondazione Banco Napoli, è in programma la visita istituzionale della Console Generale USA a Napoli Tracy Roberts-Pounds, che potrà ammirare il capolavoro di Caravaggio in mostra “La presa di Cristo” e il museo dell’archivio...

Clamoroso a Barcellona: tifosi blaugrana prendono a sassate il bus della propria squadra scambiandolo per quello del PSG

Momenti di tensione ieri sera a Barcellona prima della semifinale di ritorno di Champions League tra i blaugrana e il Paris Saint-Germain. Un malinteso tra i tifosi della squadra catalana ha causato un episodio spiacevole: credendo di bersagliare il bus della squadra avversaria, hanno invece colpito con sassi, fumogeni...

IN PRIMO PIANO