vittime innocenti del clan



“Ci sentiamo orfane, abbandonate e ora anche ingiuriate da uno Stato che invece di sostenerci ci abbandona”. Cosi’ scrivono in una lettera inviata al Ministero dell’Interno la moglie e le due figlie di Pasquale Pagano, vittima innocente di camorra, ucciso dai killer del clan dei Casalesi il 26 febbraio del 1992 insieme a Paolo Coviello per un errore di persona. Filomena Pagano e le figlie Romilda e Rosa avevano chiesto al Viminale di accedere al Fondo di rotazione per la solidarieta’ alle vittime dei reati di tipo mafioso al fine di ottenere il pagamento della provvisionale da 60mila euro riconosciuta dalla sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Napoli emessa nel 2017. Qualche giorno fa hanno pero’ ricevuto un preavviso di rigetto dal Viminale perche’ il proprio caro ucciso, pur ritenuto vittima innocente dalla sentenza giudiziaria e pur non avendo mai fatto parte del clan, non sarebbe del tutto estraneo agli ambienti delinquenziali, avendo un fratello con problemi penali; Armando Pagano, fratello di Pasquale, ha infatti commesso dei reati non di camorra, ma relativi allo spaccio di droga; fatti avvenuti peraltro quasi tutti dopo la morte di Pasquale Pagano. Stesso esito anche per i familiari di Coviello, per i quali il “no” del Viminale e’ stato giustificato dalla presenza di parenti entro il quarto grado vicini al clan. La norma applicata dal Ministero non ha permesso ai familiari di molte vittime innocenti, per via di parentele compromettenti, di avere il beneficio; tra i casi piu’ noti quello concernente Marisa Garofalo, sorella di Lea Garofalo, vittima dell’ndrangheta – fu uccisa e il corpo bruciato – dopo aver testimoniato contro il marito e il cognato affiliati. Preso atto del “no”, seppur ancora parziale, del Viminale, i familiari di Pagano (assistiti da Giovanni Zara), hanno cosi’ scritto una lettera al Ministero. “Aver perso nostro padre – scrivono – quando eravamo troppo piccole per comprendere ed elaborare un lutto cosi’ violento, ci ha provocato una profonda chiusura d’animo. Siamo cresciute con difficolta’, in tutti i sensi immaginabili, mai libere di sorridere perche’ mai spensierate e sempre attente ad ogni amicizia, conoscenza, comportamento. Quando hanno trovato gli assassini di papa’ e quando il motivo dell’uccisione e’ stato chiaro, abbiamo creduto che l’incubo durato 23 anni fosse finalmente finito. Ed invece no, perche’ in quell’incubo voi volete ricacciarci. Volete per noi una nuova enorme ingiustizia, dicendo che mio padre, noi tre ‘non siamo estranee ad ambienti delinquenziali’, perche’ abbiamo la sventura di avere come zio un delinquente. La nostra pubblica abiura contro il fratello di nostro padre e’ partita molto tempo prima di questo procedimento. Armando Pagano non solo ha sbagliato contro la giustizia, ma con la sua condotta ha imbrattato la memoria di papa’. L’ingiuria di non essere estranei ad ambienti delinquenziali non e’ sostenibile”, concludono.


Google News

Castellabate. Progetto di inclusione sociale: ‘Rispetta la diversità – Unisci le persone’

Notizia precedente

‘Ti impicchiamo fuori la porta…tanto sappiano dove abita tua figlia…’, così il clan Orlando minacciava il neo pentito Giannuzzi

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..


Ti potrebbe interessare..