🔴 ULTIME NOTIZIE :

A mia madre di Yvonne De Rosa, presentazione del libro a Napoli

Presentazione del libro venerdì 10 febbraio 2023 – ore 18:00 - al Salotto Letterario Le Zifere (Piazzetta Nilo, 7 - Napoli). Saluti dell’editore Roberto Nicolucci A discuterne con l’autrice Prof. Stefano Causa Critico d’arte e docente di Storia dell’arte moderna e contemporanea presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli Col. a. (ter.)...

Spari contro gli immigrati, il Centro sociale: ‘Salvini venga qui’

Spari contro gli immigrati, il Centro sociale: ‘Salvini venga qui’ “Salvini venga qui a CASERTA […]

    Spari contro gli immigrati, il Centro sociale: ‘Salvini venga qui’
    “Salvini venga qui a CASERTA a vedere come funziona il sistema di accoglienza dei migranti, che da anni gestiamo con efficienza. E se qualcosa non va e’ nelle norme che gia’ ci sono e che andrebbero cambiate; penso alla Bossi-Fini, che porta la firma proprio della Lega di Salvini”. Dopo aver invitato a CASERTA e Castel Volturno il presidente della Camera Roberto Fico, il Centro sociale Ex Canapificio, associazione che si occupa da anni di migranti nel Casertano, tramite una delle responsabili, Maria Rita Cardillo, invita anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che piu’ di tutti, in questi giorni, si sta esponendo sul fenomeno dell’immigrazione, e che ieri, intervenendo sull’episodio razzista denunciato a CASERTA da due rifugiati del Mali, che sarebbero stati sparati da alcuni ragazzi con una pistola ad aria compressa – ferito uno dei migranti – ha manifestato perplessita’ sull’autenticita’ della notizia, dicendo che “la fonte e’ un centro sociale”.
    “Parole che vogliono mettere in discussione il racconto dei due maliani – dice la Cardillo – e la stessa gestione della vicenda da parte del Centro sociale ex Canapificio. Per questo diciamo a Salvini di venire a CASERTA per vedere come si fa reale integrazione; qui abbiamo un’utenza di almeno 10mila immigrati che si rivolgono costantemente al nostro sportello informativo, realizziamo percorsi di inclusione sociale bilaterale, pensiamo ad attivita’ che hanno dato ottimi risultati come Piedibus, o la riqualificazione di villette, ma anche i tirocini formativi”. Un percorso in cui si colloca l’organizzazione della Giornata Mondiale del Rifugiato, che si celebra proprio oggi. A CASERTA la festa e’ stata realizzata nello stesso quartiere dove si e’ verificata l’aggressione, cioe’ nel quartiere Acquaviva, e precisamente nella villetta di Via Arno, che, dopo essere stata chiusa per anni, e’ stata riaperta e riqualificata grazie alla collaborazione tra cittadini e rifugiati.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Istat: con il Covid alti livelli mortalità a Napoli, Genova e Torino

    Nel 2020, primo anno di pandemia da Covid-19, anche le città metropolitane del Nord hanno sperimentato alti livelli di mortalità. Dopo il territorio metropolitano...

    Primo Report vittime abusi censisce in Italia 418 preti pedofili

    Il primo Report dei sopravvissuti agli abusi sessuali del clero italiano, presentato oggi dall'Osservatorio Permanente della Rete L'Abuso e dall'associazione internazionale Eca Global (Ending...

    Qualiano, cade lo smartphone e lui picchia moglie e figlia: arrestato

    Qualiano. La caduta di uno smartphone scatena l'ira di un 42enne. Picchia figlia e moglie, poi le minaccia di morte davanti agli altri 3...

    Napoli Roma, azzurri multati di 10mila euro per uso laser

    Sono due i giocatori squalificati dal giudice sportivo di Serie A, Gerardo Mastrandrea, in relazione alle partite della 20/a giornata di campionato. Si tratta...