Per l’Arpac l’89% del mare della Campania é eccellente

L’89% delle acque campane adibite alla balneazione è classificato come “eccellente”. Lo fa sapere il commissario dell’Arpac (Agenzia regionale protezione ambientale della Campania) Stefano Sorvino. “La classificazione, come molti sanno – spiega Sorvino – è stata elaborata l’ultima volta a fine 2017, sulla base dei dati degli ultimi quattro anni di monitoraggio. Poi, a inizio aprile, Arpac ha avviato di nuovo i prelievi. I dati degli ultimi mesi, che pubblichiamo di continuo sul nostro sito web, confermano in sostanza la balneabilità di quasi tutti i tratti di costa le cui acque sono state valutate idonee ai bagnanti alla fine dell’anno scorso”. Durante le campagne di monitoraggio di aprile, maggio e giugno si sono verificati, tuttavia, degli “sforamenti” dei limiti di legge in alcuni tratti di costa classificati come balneabili. In questi casi l’Agenzia informa tempestivamente il Comune competente e suggerisce di adottare un divieto temporaneo di balneazione. ​ “​Quasi tutti questi casi, però​ – s​ottolinea il commissario Arpac​ – sono tornati alla normalità in base ai risultati dei prelievi supplementari previsti dalla legge in caso di sforamenti​”.​ Per tre residue situazioni di questo tipo, in cui non si hanno ancora risultati favorevoli (due in provincia di Salerno e una a Napoli), nei prossimi giorni verranno condotti nuovi prelievi. ​

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati