Napoli, stalking all’avvocato per evitare lo sfratto: arrestati padre e figlio di Agropoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Atti persecutori e tentata estorsione ai danni di un professionista di Posillipo: i carabinieri della stazione di Posillipo hanno arrestato in flagranza un 60enne di Agropoli e sottoposto a fermo il figlio 39enne. Entrambi già noti alle forze dell’ordine, sono ritenuti responsabili di tentata estorsione e di atti persecutori ai danni di un professionista 51enne di Posillipo incaricato di seguire il loro sfratto da un locale commerciale in loro uso dove è operativo un centro benessere. Da veloci indagini e da interventi presso il locale da liberare e presso l’abitazione del legale, i carabinieri hanno ricostruito che il professionista 51enne la sera prima dello sfratto, il 12, era stato pedinato fin sotto casa e minacciato per ottenere il rinvio dello sgombero. Il giorno dopo, quello dell’esecuzione, il 60enne si era presentato sotto casa dell’avvocato armato con una mazza tentando di intimidirlo e non farlo presentare sul posto. Il tentativo è stato neutralizzato dall’intervento dei carabinieri che lo hanno arrestato in flagranza. Intanto, il 39enne ha raggiunto l’attività, sempre con lo stesso intento del padre: quello di impedire lo sgombero. Anche lui è stato bloccato e sottoposto a fermo. Entrambi sono stati rinchiusi nel carcere di Poggioreale. Il Gip ha convalidato entrambi i provvedimenti e disposto per entrambi la custodia cautelare in carcere.



Torna alla Home

telegram

LIVE NEWS

NAPOLI, la Procura indaga tre medici per la morte, al Monaldi, del neonato venuto alla luce alla clinica Villa Stabia

Napoli. Un neonato di soli tre giorni è morto all'ospedale Monaldi di Napoli dopo aver contratto un'infezione batterica. I genitori, sconvolti dalla tragedia, hanno presentato una denuncia e la Procura di Napoli ha aperto un'indagine per omicidio colposo in ambito sanitario. Tre medici sono stati iscritti nel registro degli...

Clan Contini 180 anni di carcere per i 12 imputati dell’operazione “Cartagena”

Napoli. Dopo l'annullamento della Cassazione, il processo d'appello per i ras e l'ala imprenditoriale del clan Contini si conclude con una serie di "sconti" di pena e condanne complessive per oltre 180 anni di carcere. La Corte d'appello di Napoli ha rideterminato quasi tutte le condanne precedenti, con alcuni casi...

CRONACA NAPOLI