Napoli, personale in malattia: chiuse due le due funicolari

SULLO STESSO ARGOMENTO

Per il terzo giorno consecutivo disservizi per gli utenti delle funicolari di Napoli a causa della mancanza di personale per malattia. Oggi sia la funicolare Centrale che quella di Mergellina hanno chiuso al pubblico alle 14,10 in quanto i capi servizio di secondo turno degli impianti hanno comunicato di essere in malattia. Anche i quattro capo servizio reperibili per garantire la continuita’ del servizio in simili situazioni sono risultati in malattia. I capo servizio che hanno operato nel primo turno non hanno dato disponibilita’ a prolungare la loro prestazione. Per il personale in malattia l’azienda ha chiesto all’Inps di effettuare le visite fiscali. A seguito di questi eventi – spiega una nota dell’Anm – gia’ verificatasi venerdi e ieri, l’azienda ha avviato tutte le verifiche disciplinari e giuridiche per accertare le eventuali responsabilita’ connesse alla sospensione di un servizio pubblico essenziale e per definire tutte le consequenziali azioni da attivare a tutela dell’azienda. Nella giornata di venerdi’ 22 giugno, in concomitanza con la giornata di sciopero, hanno comunicato malattia i due capiservizio delle funicolari cittadine e i due reperibili. Cio’ ha determinato la chiusura dell’impianto di Montesanto anche oltre l’orario dello sciopero. L’azienda ha immediatamente chiesto l’effettuazione dei controlli attraverso le visite fiscali all’Inps. La scena si e’ ripetuta anche nella giornata di ieri per la funicolare Centrale che ha chiuso al pubblico alle 14:20 per malattia del capo servizio di secondo turno. E per quella di Mergellina. Anche in questi casi e’ stata chiesta visita fiscale all’Inps.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE