Moderup alla Casa della Musica. Il 14 giugno il primo concerto dei ragazzi di Miano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nati e cresciuti a Miano quartiere della periferia nord di Napoli, che confina con Scampia e Secondigliano, i Moderup ovvero Vincenzo e Luigi ragazzi appena ventenni per la prima volta terranno un vero e proprio concerto alla Casa della Musica Federico I. Alla base del sodalizio artistico del duo c’è una lunga e profonda amicizia, accomunati dalla passione per il rap nel 2012 decidono di iniziare a fare musica sul serio. Il debutto nel mondo dell’hip-hop /rap è con il botto tanto che ancora adolescenti vincono il titolo di “miglior gruppo” al contest organizzato dall’Honiro Label, sbaragliando ben 100 gruppi in gara. All’attivo hanno collaborazioni di tutto rispetto Emiliano Pepe, Ntò, Clementino, Lucariello, Rocco Hunt e tanti altri. I loro video hanno milioni di visualizzazioni tra i brani più celebri: Tmax Freestyle, Venezuela, Gta Napl, Stelle ecc. Il nuovo progetto discografico uscito due settimane fa e dal nome “Leader”, vanta collaborazioni internazionali: Fred De Palma, Laioung, Isi Noice, Hichy Bangz, Momoney e il rapper francese Sadek. La loro musica si è evoluta nel corso degli anni ma la sostanza resta sempre la stessa, la loro fonte di ispirazione: la strada. Quel crogiuolo di case, emarginazione e delinquenza. La cruda realtà di ogni giorno si scontra con la loro passione per la musica rap, ed ecco che raccontando la quotidianità di ciò che vivono la musica assume un ruolo catarsico e di salvataggio. I Moderup sono l’esempio di come la musica possa salvare i giovani nati in zone disagiate, le loro canzoni danno voce a tanti ragazzi che hanno voglia di emergere e che hanno voglia di migliorarsi. Il loro rappare in dialetto rappresenta quel cordone ombelicale che mai si spezzerà con la propria città che si proietta verso l’universo, verso quel melting pot fatto di suoni e voci che raccontano le strade del mondo. Due ragazzi che hanno visto amici e conoscenti morire per le strade di un quartiere spesso dimenticato dalle istituzioni, e che nonostante ciò non si non arresi ed hanno combattuto per i loro valori, tanto ad arrivare a incuriosire Roberto Saviano che in diverse interviste ha dichiarato che se il suo ultimo libro “Bacio feroce” dovesse diventare un film, come colonna sonora avrebbe i Moderup, aggiungendo un dettaglio non da poco: “I Moderup raccontano la strada, e la logica “paranzina”, più di ogni altro trattato, saggio, intervista o romanzo”. Il duo conserva sempre un rapporto simbiotico con l’attualità, non solo raccontandola ed esorcizzandola, ma anche valorizzandola come nel caso del brano omaggio dedicato a Don Pietro, il carismatico personaggio di Gomorra Pietro Savastano intrepretato dall’attore Fortunato Cerlino.  L’appuntamento del 14 Giugno a Casa della Musica sarà una vera e propria festa, con tanti ospiti e nuovi astri emergenti: Rowins & Expert, VMonster, El Koyote, Ivan Granatino, I Desideri, Lucariello Samurai J e M4W e tanti altri amici che canteranno con il duo. Insomma non un semplice concerto, ma una testimonianza viva e attiva di ciò che la passione per la musica può fare, un evento che si preannuncia ricco di sorprese.
Casa della Musica, via Corrado Barbagallo 115 – Napoli
Posto Unico: 12 euro
Meet and Great – Vip Pack : 20 euro (Comprende Meet and Greet e foto con artisti)
Per informazioni:  081 57 00 008






LEGGI ANCHE

Torre del Greco, faceva prostituire la compagna e mamma di suo figlio: arrestato

L'uomo, di 29 anni, a volte costringeva la compagna di soli 21 anni a guardare mentre faceva sesso con altre donne

Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

A ‘Storie al femminile’ il coraggio delle donne raccontato da Stefania De Martino

La Fondazione “Matteo e Claudina de Stefano” di Ogliastro Cilento continua il suo viaggio nelle relazioni di “Storie al Femminile” con scrittrici di generazioni...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE