Agenti penitenziari aggrediti dai detenuti nella sala colloqui: due feriti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un’aggressione ad due agenti del carcere di Turi  in provincia di Bari e’ stata denunciata dal Sindacato di Polizia Penitenziaria. Un detenuto che si trovava all’interno della sala colloqui, invitato ad uscire perche’ il tempo a disposizione era terminato, si e’ scagliato con violenza inaudita contro l’agente in servizio, colpendolo ripetutamente al volto con pugni e schiaffi, incurante della presenza all’interno della sala colloqui anche di famigliari di altri detenuti tra cui alcuni bambini. In soccorso dell’agente aggredito e’ sopraggiunto l’Ispettore di Sorveglianza, che ha cercato di riportare alla ragione l’aggressore ma e’ stato anche lui aggredito da altri due detenuti. Entrambi gli agenti hanno dovuto far ricorso alle cure in ospedale per i traumi subiti, riportando una prognosi di 6 giorni. Dopo l’accaduto, i detenuti del carcere di Turi hanno inscenato una forma di protesta in sostegno degli aggressori, rifiutandosi di far rientro nelle proprie celle e occupando le sezioni detentive per piu’ di un’ora, “pretendendo -afferma il sindacato- che coloro che avevano posto in atto il vile gesto nei confronti degli agenti fossero riportati nel reparto di appartenenza, cosa che e’ avvenuta e quindi i violenti aggressori, come se nulla fosse accaduto hanno ripreso normalmente la vita di tutti i giorni senza nemmeno essere posti in isolamento”.

DALLA HOME

Camorra, Ettore Bosti dal carcere inviava messaggi con l’evidenziatore alla moglie

Ettore Bosti, giovane boss della camorra, figlio di Patrizio Bosti, uno dei fondatori dell'Alleanza di Secondigliano, rinchiuso in regime di 41 bis nel carcere di Cuneo, tentava di mandare ordini all'esterno usando un sistema di comunicazione criptico basato su evidenziatori colorati. Telegramma intercettato: I magistrati hanno bloccato l'invio di un...

CRONACA NAPOLI

LEGGI ANCHE