Torre Annunziata, riconoscimento del comune agli ‘angeli’ dell’istituto Cesaro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Torre Annunziata. La notizia dell’intervento degli studenti di una classe dell’istituto “Cesàro-Vesevus” di Torre Annunziata, che ha permesso di salvare una loro docente impossibilitata ad alzarsi da terra in seguito ad una caduta avvenuta 48 ore prima nella sua abitazione, è rimbalzata sulla cronaca locale e nazionale. Tutti i media hanno messo in risalto l’umanità e la sensibilità di questi studenti, preoccupati per l’assenza dalla scuola della loro professoressa.
L’Amministrazione Comunale, tramite il sindaco Vincenzo Ascione, vuole esprimere al Dirigente dell’Istituto “Cesàro-Vesevus”, prof.ssa Rita Iervolino, il proprio compiacimento per questo nobile gesto.
«Mercoledì 23 maggio ricorre il ventiseiesimo anniversario della strage di Capaci. Per mantenerne vivo il ricordo – spiega il primo cittadino – si terrà una cerimonia commemorativa presso la “stele” posta nel quartiere Penniniello, dedicata alla memoria delle vittime di quel tragico giorno. Per l’occasione – conclude Ascione – è mia intenzione assegnare all’intera classe V A – AFM un riconoscimento per la grande sensibilità e nobiltà d’animo dimostrata dagli studenti nei confronti della loro insegnante».






LEGGI ANCHE

Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE