Sabotato l’impianto di aria condizionata al Pronto soccorso di Aversa

SULLO STESSO ARGOMENTO

All’ospedale San Giuseppe Moscati di Aversa, la rottura di un tubo dell’aria condizionata ha in breve tempo inondato la sala del Triage del pronto soccorso di un odore acre. A poco a poco tutti gli astanti hanno cominciato a tossire. La sostanza che ha intossicato i presenti nella sala d’attesa è comunemente chiamata “freon”, un composto chimico derivante dal metano e dall’etano che, per intenderci, si tratta di un composto tra i responsabili del buco nell’ozono.
Il guasto al tubo dell’areazione – che ha fatto fuoriuscire la sostanza – pare non sia casuale ma dipenda dalla mano dell’uomo. Si fa strada l’ipotesi di un attentato, uno sfregio calcolato che nasconde una strategia probabilmente pianificata. Il tubo rotto si trova nella controsoffitta del reparto, non è visibile, ma probabilmente è raggiungibile da chi ha accesso a una stanza in particolare. Stanza che ora dovrà subire un’accurata ispezione.
Il reparto del Moscati, ieri notte, è stato evacuato e i pazienti, alcuni con l’ossigeno e flebo, sono stati posizionati nel piazzale d’ingresso del reparto.
“Hanno continuato le loro terapie, non c’è stato un blocco del lavoro”, hanno rassicurato dalla direzione dell’ospedale aversano. Gli anziani sono stati coperti e messi al sicuro. I medici hanno fatto il possibile per mantenere la calma tra un evidente e comprensibile stato di agitazione generale, emergenze e la polizia in loco per le prime indagini.
Sul luogo, anche i vigili del fuoco del distaccamento di Aversa. L’ipotesi è che si sia trattata di una manomissione dolosa del sistema di ventilazione. Sul caso, la procura di Napoli nord ad Aversa aprirà d’urgenza un fascicolo d’indagine. Pochi i tasselli da ricostruire, ma alcuni essenziali. Solo il 25 aprile scorso c’è stato un altro attentato sempre nelle sale a ridosso del Pronto Soccorso. Residui di plastica sono stati dati alle fiamme in un’aiuola tra il laboratorio di analisi, il vecchio e il nuovo pronto soccorso.
Intanto, il guasto alla tubatura è stato riparato. “C’è stato un quarto d’ora di panico, ma poi l’emergenza è rientrata”, fanno sapere i sanitari del Pronto Soccorso, reparto che registra circa duecento ingressi di pazienti provenienti sia dall’agro aversano che dalla costola napoletana confinante con il casertano.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE