Napoli, stesa a San Giovanni contro la casa del braccio destro del boss Ciro Rinaldi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Polveriera San Giovanni a Teduccio. Ennesima stesa la notte scorsa poco prima della mezzanotte in via Sorrento al rione Villa, bunker e roccaforte del clan Rinaldi.  Ma questa volta il gesto è stato più eclatante perché in azione sono entrate ben quattro coppie di pistoleri in sella a quattro moto hanno compiuto l’ennesima plateale sparatoria dimostrativa nella zona dove comanda il boss Ciro Rinaldi my way. Un raid compiuto in due tempi a distanza ravvicinata. La prima batteria di fuoco con la prima coppia ha esploso i colpi di pistola in aria nei pressi dell’edificio dove abita Sergio Grassia, detto  Sergiolino, considerato il braccio destro del boss Rinaldi, e che è oggetto di attentati per la terza volta dall’inizio dell’anno, La seconda batteria di pistoleri è passata a distanza di qualche minuto a urlare frasi sconnesse e forse a controllare se erano pronte reazioni.I carabinieri che sono arrivati sul posto, avvisati dalla solita telefonata anonima, ha repertato 11 bossoli calibro 9×21. Per gli investigatori non ci sono dubbi che si tratti dell’ennesima dimostrazione di forza del clan Mazzarella-D’Amico.

 



Torna alla Home

telegram

LIVE NEWS

NAPOLI, la Procura indaga tre medici per la morte, al Monaldi, del neonato venuto alla luce alla clinica Villa Stabia

Napoli. Un neonato di soli tre giorni è morto all'ospedale Monaldi di Napoli dopo aver contratto un'infezione batterica. I genitori, sconvolti dalla tragedia, hanno presentato una denuncia e la Procura di Napoli ha aperto un'indagine per omicidio colposo in ambito sanitario. Tre medici sono stati iscritti nel registro degli...

Clan Contini 180 anni di carcere per i 12 imputati dell’operazione “Cartagena”

Napoli. Dopo l'annullamento della Cassazione, il processo d'appello per i ras e l'ala imprenditoriale del clan Contini si conclude con una serie di "sconti" di pena e condanne complessive per oltre 180 anni di carcere. La Corte d'appello di Napoli ha rideterminato quasi tutte le condanne precedenti, con alcuni casi...

CRONACA NAPOLI