Pierluigi Rotondi, 30 anni di , e’ indagato dalla Procura della Repubblica di , per l’omicidio di , il giovane di 26 anni di , rinvenuto carbonizzato lo scorso 4 maggio in una Fiat Punto sul monte Taburno. Improta a sua volta era stato indagato dalla Procura, retta da Aldo Policastro e dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo, perche’ ritenuto uno degli autori della rapina dello scorso 10 aprile nell’abitazione di due anziani a e la morte in ospedale di uno di loro, Giovannandrea Parente (83 anni) a distanza di due settimane, dopo che era stato colpito con un pugno al volto ed aver battuto il capo a terra. Le indagini dei carabinieri hanno poi portato all’arresto del presunto complice di Improta nella rapina, ovvero di , 49 anni di Tocco Caudio, arrestato il 22 maggio scorso con l’accusa di concorso in rapina ed omicidio preterintenzionale e porto abusivo di armi.



Pubblicità'

Apre le porte dell’ascensore, ma non c’è la cabina: va giù e muore

Notizia Precedente

Napoli, la droga nascosta nella scatola di scarpe: arrestato 42enne

Prossima Notizia