Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Giudiziaria

Un altro indagato per l’omicidio e la distruzione del cadavere di Valentino Improta

Pubblicato

in

cadavere carbonizzato


Pierluigi Rotondi, 30 anni di , e’ indagato dalla Procura della Repubblica di , per l’omicidio di , il giovane di 26 anni di , rinvenuto carbonizzato lo scorso 4 maggio in una Fiat Punto sul monte Taburno. Improta a sua volta era stato indagato dalla Procura, retta da Aldo Policastro e dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo, perche’ ritenuto uno degli autori della rapina dello scorso 10 aprile nell’abitazione di due anziani a e la morte in ospedale di uno di loro, Giovannandrea Parente (83 anni) a distanza di due settimane, dopo che era stato colpito con un pugno al volto ed aver battuto il capo a terra. Le indagini dei carabinieri hanno poi portato all’arresto del presunto complice di Improta nella rapina, ovvero di , 49 anni di Tocco Caudio, arrestato il 22 maggio scorso con l’accusa di concorso in rapina ed omicidio preterintenzionale e porto abusivo di armi.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Giudiziaria

Voto di scambio, a processo ex candidato sindaco di Casagiove

Pubblicato

in

Avrebbe promesso il rilascio di un permesso edilizio ad un imprenditore in cambio di voti alle Comunali, facendo assumere dall’operatore anche dei giovani elettori.

E’ l’accusa contestata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere a Danilo D’Angelo, candidato sindaco alla recenti elezioni comunali tenutesi a Casagiove, comune confinante con il capoluogo Caserta. La Procura guidata da Maria Antonietta Troncone ha emesso a carico di D’Angelo prima l’avviso di conclusione indagini, quindi il decreto di citazione in giudizio; il processo iniziera’ nel settembre 2021. D’Angelo si era presentato con la lista civica “Casagiove nel cuore”, battuto dall’attuale sindaco Giuseppe Vozza.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, il candidato avrebbe chiesto all’imprenditore di assicurargli un pacchetto di voti in cambio di agevolazioni di natura burocratico-amministrativa, relative al rilascio di autorizzazioni per un progetto edilizio che l’imprenditore avrebbe presentato al Comune qualora D’Angelo fosse stato eletto. Il politico – e’ emerso – avrebbe inoltre chiesto e ottenuto dall’operatore l’assunzione di due ragazzi, che gli avrebbero assicurato altri voti. La Procura, in una nota, ricorda che D’Angelo e’ sotto processo al tribunale di Santa Maria Capua Vetere per un’altra vicenda simile di corruzione elettorale, ma relativa alle elezioni comunali di Casagiove del 2016.

Continua a leggere

Cronaca Giudiziaria

Uccise il giovane calciatore di Miano, sconto di 6 mesi in Appello

Pubblicato

in

Uccise il giovane calciatore di Miano

Uccise il giovane calciatore di Miano, sconto di 6 mesi in Appello.

 

La Corte d’appello di Napoli ha ridotto di sei mesi la pena a 17 anni inflitta dal tribunale di Napoli il 28 giugno 2019 ad Alfredo Galasso, l’uomo che il 7 ottobre 2018 uccise con una coltellata al cuore il calciatore 21enne Raffaele Perinelli detto Lello. Il delitto si consumò a Miano, quartiere della periferia Nord di Napoli, per vendetta, dopo una lite tra i due scoppiata all’interno di un locale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Napoli, omicidio di Lello Perinelli, la famiglia e l’avvocato in aula: ‘Fu premeditato’

Alcune ore dopo la morte di Perinelli, Galasso si presento’ dai carabinieri ai quali confesso’ l’assassinio. Il giudice di secondo grado ha escluso l’aumento di pena di sei mesi calcolata in primo grado ai danni di Galasso che era risultato recidivo per un furto commesso una decina di anni fa.

Continua a leggere

Le Notizie più lette