Il Papa denuncia: logiche di corporazione e potere nella Chiesa

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Anche nella Chiesa, quando non si vive la logica della comunione ma delle corporazioni, puo’ avvenire che si intraprendano vere e proprie strategie di guerra contro qualcuno per il potere, che a volte si esprime in termini economici, a volte in termini di ruoli. Comunque sia si tratta sempre di screditare le persone”: papa Francesco lo ha spiegato in un’intervista all’Eco di Bergamo rispondendo a una domanda sulla difesa della verita’ da parte dei giornalisti. “Per questo – ha aggiunto il pontefice – sono le persone l’antidoto contro le falsita’, non le strategie. Parlo delle persone pronte all’ascolto – ha spiegato papa Francesco -, alla fatica della comprensione, del dialogo, quelle che non hanno nel cuore la divisione e il rancore, che sanno usare i media con responsabilita’, capaci di grandi visioni, di confronti alti”. “Anche se – ha proseguito il pontefice – mi rendo conto che non e’ facile, perche’ c’e’ sempre chi guarda indietro invece che avanti, come quei pastori che temono di raccogliere le nuove sfide poste alla Chiesa, quelli che Papa Giovanni ha chiamato ‘profeti di sventura'”






LEGGI ANCHE

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Sold out a Oporto per il festival ‘SEA and YOU’ ideato da Napulitanata, unico spazio-stabile della canzone n...

La canzone napoletana di Napulitanata seduce l’audience di Oporto e diventa regina del festival SEA and YOU in compagnia di fado e flamenco. Un festival...

Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE