Favori a boss dei Casalesi detenuti a Santa Maria Capua Vetere: indagati cinque agenti penitenziari

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Cinque agenti della polizia penitenziaria in servizio presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere sono indagati dalla Dda di Napoli per aver favorito i boss casalesi detenuti nello stesso istituto di pena. L’indagine partita due anni fa, ieri ha avuto un ulteriore sviluppo con le perquisizioni effettuate nelle abitazioni dei cinque da parte degli stessi colleghi del nucleo speciale investigativo centrale dipendente dal Ministero della Giustizia. a casa di cinque sono stati sequestrati computer e altro materiale probatorio importante. In alcuni casi sono state anche trovate munizioni in eccesso a quelle in dotazione per cui è scatta anche una nuova denuncia per illecita detenzione di munizioni per armi da guerra. Sono state perquisite anche le postazioni di lavoro e i relativi computer nonché è stato effettuato il sequestro degli smartphone in uso ai cinque. Sono tutti indagati, l’indagine è coordinata dai pm Catello Maresca e Maurizio Giordano, per concorso in abuso di ufficio e favoreggiamento personale aggravato dall’articolo 7per aver favorito elementi di spicco del clan dei casalesi detenuti a Santa Maria Capua Vetere. Ad incastrare il gruppo una denuncia dettagliata ma anche una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali che andavano avanti da tempo. I cinque facevano servizio (nel frattempo sono stati spostati ad altri incarichi) all’ufficio ricezione pacchi e avrebbero “favorito l’ingresso di materiale illecito e non consentito”. Nei confronti dei cinque la direzione del carcere ha avviato anche un’indagine disciplinare interna.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE