🔴 ULTIME NOTIZIE :

Da Casal di Principe parte l’allarme roghi negli impianti di trattamento dei rifiuti

Dopo l’incendio della Eco X di Pomezia – ottomila e cinquecento tonnellate di immondizia di […]

    Dopo l’incendio della Eco X di Pomezia – ottomila e cinquecento tonnellate di immondizia di incerta natura andate alle fiamme – l’allarme dei roghi negli impianti di trattamento dei rifiuti in Italia riparte da Casal di Principe.
    In un bene confiscato alla camorra, Casa don Diana, il Consorzio Polieco ha disegnato la mappa di un’emergenza nazionale che già conta numeri impressionanti: circa trecento incendi negli ultimi tre anni e, nei prossimi mesi, la situazione potrebbe diventare ancora più preoccupante.
    Nel corso della conferenza stampa, tenutasi nella giornata di oggi, a Casal di Principe la direttrice del Polieco, Claudia Salvestrini ha parlato di “una matrice sistemica”.
    “E’ da questa terra che è partito il grido di aiuto per non soccombere ai fuochi dell’inquinamento ambientale e da qui è necessario ripartire per aprire gli occhi su una Terra dei Fuochi che coinvolge il Veneto, la Lombardia, la Toscana e non solo. Purtroppo resta un vuoto nei controlli e, quando arrivano gli incendi e l’intervento della magistratura, è già troppo tardi. E’ necessario più rigore nel rilascio delle autorizzazioni e le stesse fideussioni, che spesso si sono rivelate false, devono essere oggetto di maggiore attenzione”. Una possibile interpretazione del fenomeno è da ricondursi, secondo quanto emerso dall’incontro, da una raccolta differenziata sempre più orientata alla quantità che alla qualità, con il risultato che più si raccoglie più aumenta la possibilità dei roghi. Le diverse tipologie di materiali contemplati alla voce imballaggi rendono, infatti, sempre più difficile la selezione e l’avvio effettivo al riciclo e così di conseguenza i cumuli nelle piattaforme dei rifiuti aumentano a dismisura.
    “Il problema degli impianti in fiamme – ha aggiunto a tal proposito il presidente Polieco Enrico Bobbio – è una piaga che si allarga in tutta Italia e che riguarda soprattutto quelle aree note per aver raggiunto risultati eccellenti nella gestione dei rifiuti”.
    Per Gianfranco Amendola, già Procuratore della Repubblica di Civitavecchia e docente di Diritto penale dell’ambiente presso l’Università  La Sapienza di Roma, bisogna introdurre il reato di combustione dei rifiuti anche quando questi si trovano negli impianti di trattamento e non solo per i rifiuti depositati in maniera incontrollata. Così facendo si introdurrebbe un deterrente importante per coloro che bruciano sapendo di non essere puniti. Amendola propone di creare un tavolo di coordinamento per i controlli preventivi fra Asl, Arpa, Vigili del Fuoco. “Purtroppo, pur non volendo essere pessimisti, il sistema sanzionatorio resta al momento l’ unica modalità di dissuasione,  visto che dobbiamo fare i conti con la carenza e l’inefficacia dei controlli preventivi, anche a causa di risorse ridotte”, ha sostenuto  Alessandro Milita, procuratore aggiunto presso il Tribunale della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e pm del processo Resit.
    Il tema ambiente è essenziale per la salute dei cittadini e questo deve essere compreso senza altro indugiare. Gli incendi negli impianti di trattamento dei rifiuti, per i quali a volte le autorizzazioni vengono rilasciate fin troppo facilmente, non sono atti casuali ma atti di terrorismo che attentano alla salute e alla tranquillità dei cittadini, perché è impossibile non ammettere per esempio, che a Taranto c’è stato un aumento dei tumori a causa dei danni ambientali legati all’Ilva”, ha commentato Roberto Rossi, magistrato della Dda di Bari.
    Il consorzio Polieco ha da tempo tracciato l’immagine di un sistema di gestione dei rifiuti scevro da controlli e azioni preventive tese ad evitare danni all’ambiente e alla salute. Da un’analisi attenta emerge che spesso ogni incendio è collegato a realtà del settore che hanno subito o un’ispezione o un sequestro o un altro evento di combustione dei rifiuti.
    Desta preoccupazione poi che a gestire gli impianti oggetto di incendio, in alcuni casi, siano soggetti già implicati in inchieste giudiziarie sul traffico illecito dei rifiuti nazionale e transfrontaliero.
    Alla conferenza stampa sono intervenuti pure l’assessore Mirella Letizia del Comune di Casal di Principe, il sindaco di Teano Nicola Di Benedetto, Claudia Mannino, referente per le politiche del Mezzogiorno dei Verdi e già componente della VIII Commissione Ambiente, l’ex senatrice Laura Puppato (Pd), il deputato Antonio Del Monaco (M5s), la senatrice Paola Nugnes(M5s), Antonio Marfella presidente dei Medici per l’Ambiente della Campania ed il Comitato “No Ilside”.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Camorra: ‘Casa comune’ per ragazzi autistici in bene confiscato 

    Sorgera' in un bene confiscato alla camorra, nel centro storico partenopeo, "Casa comune", il primo progetto d co-housing per ragazzi affetti da autismo nel...

    Dl benzina: multe fino a 2mila euro per chi viola obblighi

    Sanzioni da 200 a 2mila euro, a seconda del fatturato, per chi viola gli obblighi di comunicazione ed esposizione dei prezzi dei carburanti. Dl benzina,...

    Covid in Campania, calano contagi e ricoveri

    I contagi del covid in Campania sono in calo: ieri il tasso di incidenza era pari al 5,71%, oggi scende al 4.03%. In Campania, nelle...

    Il figlio di Tacconi: “Papà fa piccoli progressi, insieme vinceremo”

    Andrea Tacconi, ancora una volta, attraverso i social aggiorna sulle condizioni del padre Stefano. L'ex portiere di Juventus e Nazionale è infatti seguito da...