24.4 C
Napoli
giovedì, Luglio 9, 2020

Al carcere di Bellizzi Irpino consegna qualifiche regionali per i detenuti

DALLA HOME

Si e’ tenuta, questa mattina, presso la Casa circondariale “Antimo Graziano” di Bellizzi Irpino Avellino, la cerimonia per la consegna degli attestati di qualifica regionale per i detenuti nell’ambito del progetto: Garanzia Giovani “Key competence mix” , promosso dall’ente di formazione Adim srl. L’attestato di qualifica e’ stato consegnato dall’assessore regionale alla formazione Chiara Marciani e dal garante dei detenuti regionale Samuele Ciambriello. Alla cerimonia di consegna erano presenti il direttore del carcere Paolo Pastena, il capoarea della sezione educativa Ranucci, il comandante Attilio Napolitano, Carlo Mele, garante dei detenuti provinciale e Luciano Mattina direttore dell’ente di formazione Adim srl. Ad aprire la cerimonia di consegna e’ stato Pastena che ha dichiarato : “Il percorso di Garanzia Giovani e’ stato accolto dalla direzione positivamente perche’ pensato e ideato per una fascia d’eta’ giovanile 18-29 anni che ha bisogno di alternative positive, professionalizzati, bisogna insistere nella rieducazione dei ragazzi perche’ sono giovani e hanno bisogno di alternative legali e concrete , una vera e propria opportunita’ per chi vuole realmente cambiare”.
“Con la cultura si cresce e chi lo fa realmente davvero riesce a voltare pagina” ha sottolineato Carlo Mele, garante dei detenuti provinciale; “la Regione Campania intende valorizzare i percorsi formativi per i giovani per aumentarne le competenze in un’ ottica di qualifica professionalizzante, e’ questo uno degli obiettivi che la politica regionale sta portando avanti e che sara’ presente nel prossimo catalogo formativo regionale – ha evidenziato l’assessore Marciani. “I percorsi formativi per i giovani e in questo caso per i “diversamente liberi”, sono vere e proprie opportunita’ per i detenuti, secondo una giustizia ripartiva ed rieducativa – ha detto il garante dei detenuti regionaleCiambriello – , bisogna canalizzare le risorse positive di chi vuole cambiare e apprendere un mestiere che sia alternativo ai propri negativi trascorsi”. ” Il corso regionale iniziato il 14 marzo che si e’ concluso il 7 maggio e’ uno dei percorsi che abbiamo previsto in carcere avviato anche a Poggioreale e Secondigliano – ha detto Mattina – , abbiamo scelto gli istituti penitenziari perche’ riteniamo che bisogna lavorare in contesti difficili e dare opportunita’ ai dei ragazzi, perche’ ristretti con maggiore bisogno di un’ alternativa e costruire reali attivita’ educative”

Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

AGIC-spettacolo-di-arti-magiche-4

MAGIC – Spettacolo di arti magiche: il 13 luglio all’Arena del Mare di Salerno

Cresce l’attesa per 'MAGIC – Spettacolo di arti magiche', lo spettacolo che andrà in scena il prossimo 13 luglio, alle ore 20.30, sul palco...
sequestrati accessorifumo

Napoli, sequestrati un milione di accessori da fumo privi di autorizzazioni

Il I Gruppo della Guardia di Finanza di Napoli, nel corso di quattro distinti interventi, ha sequestrato circa 1 milione di accessori per la...
vietri-in-scena_dirty-six

Vietri in scena. Venerdì 10 luglio arriva il Jazz con i Dirty Six

Per "Vietri in scena" è il momento del grande jazz con i Dirty Six. Nell'ambito della quinta edizione della kermesse di spettacoli che si...