Truffa sui Gratta e Vinci, leggevano i biglietti e vendevano solo quelli perdenti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Salerno. Riuscivano ad individuare attraverso piccole abrasioni sui “gratta e vinci” i biglietti vincenti ed incassarli, rimettendo in vendita gli altri. Queste piccole abrasioni erano fatte in modo così preciso tanto da essere impercettibili per i clienti che acquistavano i biglietti non vincenti e che non si accorgevano di nulla. A realizzare questa vera e propria truffa due coniugi che gestiscono una tabaccheria in via Posidonia, zona centrale di Salerno. A fa scattare i controlli sono stati direttamente i responsabili dei Monopoli di Stato i quali si sono rivolti ai carabinieri. I dipendenti dell’ Agenzia delle dogane e dei monopoli si sono insospettiti dalle vincite. I militari dell’arma hanno controllato la tabaccheria ritrovano elementi utili per incastrare i coniugi, denunciandoli per falsificazione, frode, accesso abusivo ad un sistema telematico e truffa in concorso. Nel corso dei controlli i carabinieri hanno accertato che dal 2011 la coppia avrebbe incassato oltre 1milione e 300mila euro, comprensivi anche di percentuale prevista dalla vendita di biglietti vincenti. Al controllo dei “gratta e vinci” sono stati trovati 12mila tagliandi alterati per un valore complessivo di circa 12mila euro. Ora la coppia di coniugi dovrà spiegare quanto accaduto all’autorità giudiziaria.






LEGGI ANCHE

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE