E’ ambientato negli anni Ottanta a Pianura, periferia di Napoli, il libro edito da Einaudi di Fortunato Cerlino. Dietro il volto feroce di don Pietro Savastano in “Gomorra – La serie” si nascondeva un fiorente e valido scrittore, come dimostra il suo primo lavoro letterario “Se vuoi vivere felice”.
Un di matrice autobiografica i cui il protagonista ha lo stesso nome dell’autore.
Chi ci abita lo chiama il Far West. Fortunato ha dieci anni, una fame incontenibile – di cibo, di storie e d’amore – e un’immaginazione sfrenata. In famiglia lo chiamano ‘o strologo, quello che sa le cose. Da grande vorrebbe fare il cantante neomelodico. Ma anche l’attore. Pure l’astronauta non sarebbe male. Oppure può raccogliere da terra la Smith & Wesson 357 Magnum di Patrizio, ‘o figlio do Bulldog, e mettersi a sparare come tanti altri. Vive in due stanze con i genitori, i tre fratelli e la nonna, arrivata all’improvviso dopo che un sasso enorme è precipitato sul tetto di casa sua – così dicono i grandi – minacciando di sfondarle il soffitto. Quello che pochi sanno è che Fortunato ha un sogno più grande di lui, qualcosa che lo tiene sveglio la notte. Andare lontano, schizzare via. Perché la vita corre, e va acchiappata.
La scrittura di Cerlino ha una sua propria e indiscutibile origi­nalità, come pure l’impianto della storia. Il suo di formazione, un di tutto rispetto, è un tentativo ben riuscito di rimettere assieme i pezzi della propria infanzia e adolescenza, visti da una pro­spettiva adulta. Fortunato, oramai attore di fama, dialoga con il Fortunato bam­bino capace di nascondersi per ore in un bidone maleo­dorante dopo uno scontro fa­miliare.
Uno scivolamento in una dimensione sentimenta­le e intimista che appare un po’ slegata dai segmenti iniziali della storia raccontata. 

Fortunato Cerlino e il suo esordio letterario. Edito da Einaudi, ‘Se vuoi vivere felice’
di Regina Ada Scarico per Cronache della Campania

ADS



Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

Contromano in Tangenziale, per i periti ‘Mormile era consapevole’

Notizia precedente

Incornato dal toro: allevatore salvo per miracolo

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..