Evade dai domiciliari: preso il figlio del boss Vincenzo Ianuale

google news

Si aggirava con fare sospetto nel cortile dell’insediamento popolare chiamato “La Cisternina” ma doveva essere ai domiciliari per spaccio. Nicola Ianuale, 26 anni, figlio di Vincenzo detto ‘O squadrone, quando si è accorto dei carabinieri, per evitare l’arresto, si è sdraiato faccia a terra dietro ad un muretto delle palazzine.
Ma i carabinieri della compagnia di lo hanno riconosciuto, raggiunto e arrestato per evasione. dopo le formalità è stato di nuovo posto agli arresti domiciliari. Vi era dal 3 marzo scorso in aggravamento al divieto di dimora nella provincia di a cui era stato sottoposto dopo l’arrestato il 28 gennaio per detenzione di cocaina, marijuana e amfetamina. Una misura arrivata dopo che i militari lo evevano trovato per 2 volte nei pressi della sua abitazione in compagnia di pregiudicati.
Il ragazzo di 26 anni, Nicola Ianuale, figlio del boss Vincenzo, detto “‘o squadrone”, arrestato oggi dai carabinieri a Castello di Cisterna , e’ fratello e fratellastro dei due giovani ritenuti gli assassini del muratore-eroe ucraino Anatolij Korol, ucciso il 29 agosto del 2016 mentre tentava di sventare una rapina in un supermercato. I due autori della tentata rapina sfociata nell’omicidio di Korol – Gianluca Ianuale, 22enne, che si autoaccuso’ dell’omicidio, e il fratellastro Marco Di Lorenzo, 32 anni – sono stati entrambi condannati il 23 settembre del 2016 a 20 anni di carcere dal Tribunale di Nola.