Salerno, l’attore Diele accusato di omicidio stradale: sottoposti ai test psicologici

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’attore Domenico Diele, accusato di omicidio stradale aggravato per la morte di Ilaria Dilillo, si è sottoposto ieri – presso lo studio del medico legale Antonello Crisci – a dei test psicologici nonostante il disaccordo dei suoi legali.  Le operazioni peritali si sono concluse solo nel pomeriggio, erano state  disposte dal Gup Piero Indinnimeo per stabilire in che misura l’assunzione di stupefacenti possa aver condizionato la guida di Diele e fino a che punto l’imputato fosse lucido al momento dell’impatto. Diele, accompagnato dal suo legale, l’avvocato Ivan Nigro, avrebbe potuto rifiutarsi di eseguire quei test: quando però l’avvocato Emanuela Greco, presente in sostituzione del penalista Michele Tedesco, ha preteso che il rifiuto, consigliato dai legali, fosse verbalizzato, Diele ci ha ripensato decidendo di sottoporsi a tutti gli esami richiesti dal Gup ed espletati alla presenza della psicologa, dottoressa Giuseppina Miranda, del consulente di parte Nevio Troisi, dei consulenti del Pm Pasquale Giugliano e Maria Pieri.
Saranno proprio questi esami a stabilire gli effetti provocati dalla droga sull’organismo dell’attore, tenendo conto che la Cassazione ha stabilito che gli effetti degli stupefacenti variano da soggetto a soggetto. All’ingegnere Lima, invece, spetterà chiarire la velocità dell’auto di Diele, analizzando lo spazio d’arresto e di frenata rilevato sull’autostrada: ciò testimonierà il livello di lucidità al momento dell’incidente. I risultati degli esami saranno pronti tra un mese, infatti la sentenza è prevista a fine mese. Domenico Diele rischia otto anni di reclusione così come richiesto al termine della sua requisitoria dal pubblico ministero.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE