Napoli, muore a 15 anni per una leucemia: il video denuncia della famiglia sul mancato rispetto del protocollo sanitario

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Il popolo del web si era mobilitato alcuni giorni fa per trovare anche all’estero un medicinale salvavita. Ma purtroppo non è arrivato e Anna Oppolo una ragazzina di soli 15anni dei Quartieri Spagnoli si è spenta nella serata di ieri all’ospedale Pausillipon dove era ricoverata. Aveva una grave forma di leucemia con la quale stava combattendo da tempo. Aveva già fatto un primo ciclo di chemio poi improvvisamente con il secondo ciclo le sue condizioni sono peggiorate. Da stamane la sua pagina facebook si è riempita di messaggi e di ricordi da parte di familiari e amici

“Avevi superato tutto, fino all’ultimo minuto, all’ultimo secondo, ma purtroppo non c’è l’hai fatta più… avevi anche ragione, hai sofferto tanto, ma tu eri, sei e sarai ancora e x sempre forte, DIO è con te, e si prenderà cura di te piccolo angioletto…💔
Mi raccomando, adesso riposa bene in pace che tutti siamo lì con te…
Ciao annarè❤️‼️💔 Anna ao Anna AO Oppolo”; scrive una sua amica. Ma un cugino accusa l’ospedale di scarsa igiene e di non grande attenzione nella cura della piccola paziente. In un video denuncia inviatoci e che alleghiamo a questo articolo si vede come la giovane Anna venga trasportata per fare una tac pochi giorni fa al Santobono senza alcuna precauzione. Con i familiari della giovane che protestano per il mancato rispetto del protocollo sanitario e perché si passa nei corridoi davanti ad altra gente e poi davanti al carrello del cibo, a quello della spazzatura. E la mamma che grida: “Se succede qualcosa a mia figlia…”. E il padre che incalza: “Mia figlia ha il cinque per cento di vita e voi la trasportate così?”. Poi la famiglia accusa che Anna sia stata sottoposta a un ultimo ciclo di chemio, quella più forte nonostante avesse valori immunitari bassissimi. “Noi vogliamo solo segnalare questa situazione-spiega un cugino- perché vogliamo che queste cose non accadano ad altri pazienti. In un ospedale pubblico non si possono permettere queste cose”.







LEGGI ANCHE

Avellino, cerca di portare figlia all’estero: fermata dai Carabinieri

Una madre di origini straniere è stata fermata mentre cercava di portare la figlia di 4 anni all'estero, a Montefusco, in provincia di Avellino. Tutto è iniziato quando il marito ha segnalato alle autorità di essersi allontanato per qualche giorno e al suo ritorno aver scoperto il tentativo della moglie di lasciare il Paese con la bambina. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano sono intervenuti prontamente, identificando il veicolo e il conducente coinvolti nel tentativo...

Quarto, lite tra dipendenti nel ristorante giapponese: uno ferito, l’altro in fuga

Nel tardo pomeriggio di oggi a seguito di una lite tra dipendenti, i carabinieri della Tenenza di Quarto sono intervenuti presso un ristorante giapponese situato in via Campana 155/c. Secondo quanto emerso, all'interno delle cucine del locale, un dipendente di 23 anni originario del Pakistan è stato aggredito da un collega della stessa nazionalità armato di un coltello da cucina. La vittima è stata trasportata all'ospedale Santa Maria delle Grazie con lievi lesioni al volto e...

Riciclaggio internazionale, ai clienti anche “servizio contanti”

Scoperto grazie a documento sul pc del promotore della centrale

Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE