‘Il più brutto week end della nostra vita’ al Teatro Bracco di Napoli. Con Maurizio Micheli, in scena fino ...

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il più brutto week end della nostra vita”, in programma da questa sera fino a domenica 4 marzo, al Teatro Bracco di Napoli. Una commedia ricca di equivoci e colpi di scena, scritta dal noto commediografo canadese Norm Foster e portata in scena da Maurizio Micheli che, oltre a curarne la regia, è attore protagonista. Ad accompagnare Micheli in scena ci sarà  Benedicta Boccoli, Nini Salerno e Antonella Elia che trasformeranno situazioni quotidiane come la convivenza tra uomo e donna o le amicizie – rapporti ritenuti sacri – in un terreno di scontro e di vendetta dove ad avere la meglio saranno sentimenti come l’antipatia, la mancanza di stima, l’indifferenza e il disprezzo verso il prossimo, fino ad arrivare all’odio più totale e feroce. I quattro protagonisti, infatti, non si vogliono bene e non si stimano, anzi si detestano e nutrono ognuno nei confronti degli altri una forma di intolleranza e di insofferenza a stento trattenute. Credono di innamorarsi ma non si innamorano, credono di divertirsi ma si annoiano, provano a cambiar vita ma non ci riescono. Nessuno tra loro ama chi crede di amare e senza rendersene conto vivono una vita dominata da un’unica irrefrenabile passione: quella per se stessi. Lo spettacolo è prodotto da Centro Teatrale Meridionale, il testo è stato tradotto da  Danila Rana mentre le scene sono di Lorena Curti e i costumi di Martina Piezzo. Le luci sono a cura di Francesco Saverio De Iorio e il produttore esecutivo è Tiziana D’Anella.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE