I Prefetti della Campania firmano Protocolli legalità con Confapi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella mattinata odierna, presso il Palazzo di Governo di Napoli, i Prefetti della Campania hanno sottoscritto i Protocolli attuativi di legalità con i Presidenti Regionale e Provinciali della Confederazione Italiana della Piccola e Media Industria (Confapi) per l’intensificazione dei controlli per la prevenzione e il contrasto delle infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia legale. Si applicano così sul territorio campano i modelli di collaborazione tra Prefetture e Associazioni delineati negli Accordi Quadro nazionali già sottoscritti presso il Ministero dell’Interno. Le imprese potranno aderire volontariamente ai Protocolli di legalità – spiega una nota – e, mediante il rilevante contributo delle associazioni che le rappresentano, attraverso la Prefettura (che procede ai controlli e al rilascio dei certificati antimafia) potranno concorrere a rafforzare la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti per lavori, servizi e forniture. La Prefettura di Napoli monitorerà l’attuazione del Protocollo a livello regionale, oltre ad assicurare l’attività di supporto, formazione e consulenza alla rete delle Prefetture della Campania per l’ottimale applicazione dell’accordo di legalità.






LEGGI ANCHE

Pozzuoli, perseguita e minaccia di morte l’ex marito: arrestata 44enne

I carabinieri della stazione di Pozzuoli hanno arrestato una 44enne per atti persecutori ai danni dell'ex marito. L'uomo si è presentato in caserma denunciando le...

La camorra spara a Pomigliano e Torre Annunziata: bossoli in strada

La provincia di Napoli è stata scossa da due sparatorie nella serata di ieri. I carabinieri sono intervenuti in due città diverse dopo la...

Marigliano, picchia il dirigente Asl che rifiuta di cambiargli il medico di base

A Marigliano, un uomo di 67 anni è stato denunciato dai carabinieri per aver reagito in modo violento al rifiuto di cambio del medico...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE