‘Veniamo da parte del clan’, pizzo al salumiere di Varcaturo: arrestati in due

SULLO STESSO ARGOMENTO

Si presentavano dicendo di appartenere alla malavita organizzata di Giugliano,  per “persuadere” la vittima, il titolare di un negozio di alimentari di Varcaturo.Da aprile a dicembre un 36enne di Giugliano e un 25enne di Napoli, hanno bussato alla porta del negozio dal malcapitato quasi quotidianamente.Con spintoni, toni minacciosi, gettando a terra i cibi dagli scaffali e la minaccia di incendiare la sua attività, hanno estorto all’imprenditore in totale 4mila euro di prodotti: ogni volta, infatti, esigevano che l’uomo consegnasse loro buste e buste di generi alimentari. Dopo numerosissimi episodi, alla fine si sono presentati a pagare con 2 assegni da 2mila euro risultati scoperti. I malfattori sono stati identificati dai carabinieri della stazione di varcaturo e arrestati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal g.i.p. di Napoli su richiesta della locale Dda per estorsione continuata in concorso aggravata dal metodo mafioso.adesso sono ai domiciliari.


Torna alla Home


Dal 2020 al 2024, si sono verificati 302 suicidi nelle carceri italiane. La Lombardia è stata la regione con il numero più elevato di suicidi in carcere negli ultimi anni (48), seguita dalla Campania (33). Questi dati sono stati resi noti in occasione dei presidi organizzati in 50 città italiane,...
Palazzo Reale di Napoli si prepara ai ponti di primavera e alla grande affluenza turistica in città organizzando una serie di aperture straordinarie e di iniziative per implementare l’offerta culturale al pubblico. Sabato 20 torna l’iniziativa Il sabato dei depositi, aperture straordinarie del terzo sabato del mese, con una visita...
Rosario D'Onofrio, ex procuratore capo dell'Associazione Italiana Arbitri (AIA), è stato condannato a Milano a una pena di 7 anni e 8 mesi di reclusione nell'ambito di un'indagine su un presunto maxi traffico internazionale di droga. La sentenza è stata emessa dal giudice Lidia Castellucci, che ha inflitto complessivamente...
“Maria Calì, ancora negli ultimi mesi, ricordava con molta nostalgia gli anni fecondi trascorsi al Suor Orsola, un contesto nel quale aveva trovato stimoli rilevanti per la sua produzione scientifica e aveva proficuamente lavorato nel forgiare una nuova generazione di storici dell’arte che ne hanno particolarmente apprezzato il rigore...

IN PRIMO PIANO