Vandali treni nel Casertano,in 10 giorni danni a 7 vetture

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nelle ultime due settimane vandali in azione nella stazione Maddaloni Inferiore (Caserta) contro le vetture di treni regionali e il personale Trenitalia. Bilancio: numerosi vetri di porte e finestrini frantumati, intimidazioni e aggressioni al personale ferroviario. L’ultimo episodio ha visto un gruppo di persone hanno distrutto 12 vetri di una carrozza del treno R 26248 NAPOLI – Caserta. Altre cinque vetture erano state vandalizzate fra domenica 28 e lunedi’ 29 gennaio. In particolare, domenica 28 gennaio, sull’R 26165 Caserta – Salerno una dozzina di ragazzi ha disturbato la fase di salita dei viaggiatori nella stazione Maddaloni Inferiore. Alla chiusura delle porte alcuni di loro si sono aggrappati esternamente per saltare sulla banchina un attimo prima della partenza. La capotreno era gia’ pronta ad azionare il freno di emergenza nel caso fosse stato necessario. La sera stessa, il capotreno dell’R 26156 Battipaglia – Caserta e’ stato vittima di un vero e proprio agguato, sempre a Maddaloni Inferiore, dove due teppisti lo hanno atteso sul marciapiedi e, quando il ferroviere e’ sceso dal treno per le abituali operazioni di servizio viaggiatori, lo hanno insultato per poi aggredirlo con spintoni e sputi. Dopo averlo scaraventato a terra gli hanno sottratto il tablet aziendale dandosi alla fuga. Per tutti gli episodi e’ stata presentata denuncia all’autorita’ giudiziaria. In seguito a tali vicende, Trenitalia Campania aveva gia’ predisposto, comunicandolo a Regione e Prefettura di Caserta, la cancellazione della fermata a Maddaloni Inferiore a tutti i treni fuori dalle fasce orarie 6.00/10.00 e 16.00/20.00 a partire da lunedi’ 12 febbraio. “Grazie alla disponibilita’ delle autorita’ competenti di presidiare stazione e treni con forze di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Municipale, il provvedimento ipotizzato dall’azienda e’ stato momentaneamente sospeso”, riferisce Trenitalia.






LEGGI ANCHE

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE