Rapina mortale di Frattamaggiore: il bandito non ha sparato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Non ha sparato, Raffaele Ottaiano, il giovane rapinatore di Caivano che la sera dello scorso 10 febbraio, a Frattamaggiore, e’ rimasto ucciso dai colpi di pistola sparati dal gioielliere titolare della gioielleria Corcione sul corso principale dove poco prima, insieme con quattro complici, aveva tentato di mettere a segno una rapina a mano armata. L’importante novità investigativa emerge dall’attività degli inquirenti della Procura di Napoli Nord che, nelle scorse settimane, hanno quasi del tutto delineato la dinamica dell’accaduto. Il giovane gioielliere, Luigi Corcione, che é indagato con l’ipotesi di accusa di omicidio colposo per eccesso di legittima difesa, in un’intervista rivelò di avere reagito dopo aver visto il bandito puntargli la pistola contro e di non aver mai sparato contro un uomo prima. Il suo legale, l’avvocato Luigi Ferrante, riferì che la reazione del suo cliente era stata causata dalla situazione di pericolo imminente e concreto davanti alla quale il gioielliere si é trovato. Verosimilmente non avrebbe sparato neppure Luigi Lauro, originario di Crispano, uno dei complici di Ottaiano, anch’egli armato, preso mentre tentava la fuga grazie all’intervento di un coraggioso ispettore di Polizia del locale commissariato. Anche Lauro, secondo quanto emerso, avrebbe puntato la pistola che aveva in mano contro il poliziotto il quale è comunque intervenuto.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE