‘Qui e ora’ di Mattia Torre, in scena al Teatro Nuovo di Napoli. Da mercoledì 21 febbraio

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Qui e ora”, scritto e diretto da Mattia Torre, mercoledì 21 febbraio alle ore 21.00 (in replica fino a domenica 25) al Teatro Nuovo di Napoli, presentato da Nuovo Teatro diretto da Marco Balsamo.
Sullo sfondo, l’Italia del 2 giugno, con le Frecce Tricolore in cielo e in l’inferno umano in terra, il feroce umorismo di Mattia Torre diviene strumento per raccontare un’Italia cinica ed egoista, in cui gli interpreti Paolo Calabresi e Valerio Aprea sono “calati” in un gioco al massacro.
Due scooter si scontrano in una desolata strada nella campagna romana. I guidatori contrapposti l’uno all’altro, i caschi come elmetti da prima guerra mondiale, liberano la scrittura di Mattia Torre, che scava, con Qui e Ora, una trincea metropolitana.
Il prolungato ritardo nei soccorsi genera un dialogo forzato tra i due uomini che nulla hanno in comune, e che, inizialmente, sembrano avere ruoli ben definiti, l’uno vittima e l’altro carnefice. A lungo andare, forse a causa delle provocazioni e della cattiveria gratuita che uno riversa sull’altro, o di un’aggressività latente generalizzata scaturita dal cinismo e dal senso di lotta dell’Italia di oggi, i ruoli si invertono, lasciando gli spettatori senza una possibile soluzione della realtà.
“Nel loro scontro – spiega il regista – si esprime il cinismo e il senso di lotta dell’Italia odierna, questo Paese sempre idealmente a un passo dalla guerra civile, in cui la cattiva amministrazione finisce per generare sfiducia non solo dei cittadini verso le istituzioni, ma anche tra gli stessi cittadini, in un clima sempre più teso e violento, che trova il suo apice nella grande città”.
In una situazione surreale ma neanche troppo, attraverso l’esasperazione del paradosso e il cinismo spassoso dell’humour nero, la satira di Qui e Ora gioca sulle assurdità della vita moderna. Una gamba rotta o una botta in testa non riescono ad affievolire l’aggressività da giungla urbana, l’ostinazione ad averla vinta sul nemico vero o presunto, mentre una sinistra nota di follia serpeggia fra i protagonisti.
“Qui e Ora” rappresenta uno spaccato fedele (ma tragicomico) della società italiana. Una società sgradevole, arrabbiata, ottusa, come dimostrano i suoi personaggi, pronti a offrire il peggio di sé anche dopo un incidente.
Per info e prenotazioni: 081 49 76 267 – [email protected]


Torna alla Home


Gli studenti di Caivano in stage a Coverciano. Gravina: “Un’iniziativa di valore”

Il ristorante e l'albergo di Coverciano, diventati ormai punti di riferimento nel panorama calcistico italiano, non solo ospitano il Centro Tecnico Federale ma sono anche luoghi di ritrovo per gli Azzurri e le Azzurre durante i loro ritiri per preparare gli impegni internazionali. Situati alle porte di Firenze, questi...

Napoli, da inizio anno la Finanza ha sequestrato beni per 60 milioni di euro

Da inizio all'anno, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito 16 decreti di sequestro di beni per un valore totale di oltre 60 milioni di euro, nell'ambito di un'azione mirata a contrastare la criminalità economica. Azioni che sono state coordinate dalle Procure competenti sul territorio partenopeo...

Bacoli, restaurata la scalinata dello Schiacchetiello

Super colorata e completamente restaurata, la scala dello Schiacchetiello a Bacoli si appresta ad essere inaugurata ufficialmente, offrendo un accesso più comodo a una delle spiagge più belle della provincia di Napoli, come ha annunciato il sindaco Josi Gerardo Della Ragione. Il tratto di costa tra gli scogli tufacei e...

Pusher di Marano arrestato in provincia di Caserta

I Carabinieri del Reparto Territoriale di Mondragone hanno arrestato un 43enne di Marano di Napoli per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, a bordo di una Lancia Y condotta da un'altra persona, è stato fermato in via Abate Cesare a Monte durante un normale controllo alla circolazione...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE