Pizzo a Caserta mentre era in località protetta: arrestato il genero del boss Belforte

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. Pizzo sui morti mentre una località protetta: finisce in carcere Giuseppe Alberico, genero del boss della camorra, ex pentito, Salvatore Belforte. Nell’inchiesta è indagata la moglie Gelsomina Belforte. Secondo quanto accertato dagli inquirenti, Alberico mentre era nella località protetta a causa del suocero boss che aveva scelto di collaborare con la giustizia, ha estorto 2000 euro ad un imprenditore. Salvatore Belforte, il capoclan dell’omonima cosca operante a Marcianise e Caserta, nel 2015 decise di collaborare con la Dda di Napoli, è stato poi essere estromesso, per carenza di attendibilità, dal programma di protezione lo scorso mese settembre. Con Alberico è indagata per estorsione aggravata dal metodo mafioso anche la figlia di Salvatore Belforte, la 31enne Gelsomina. Le indagini sono state coordinate dalla Dda di Napoli – sostituto Luigi Landolfi e Aggiunto Luigi Frunzio – e realizzate dalla Polizia di Stato, in particolare dalla Squadra Mobile della Questura di Caserta, diretta da Filippo Portoghese. E’ emerso che durante la festività pasquali del 2016, Alberico e la moglie si recarono per due-tre giorni a Marcianise allontanandosi senza autorizzazione dalla località protetta; qui invitarono il titolare di una ditta di pompe funebri a mettersi in regola dopo aver portato il saluto del boss Salvatore Belforte. L’imprenditore, temendo ritorsioni, portò a casa di Alberico e della moglie una tangente di 2mila euro.

Nella foto il boss Salvatore Belforte







LEGGI ANCHE

Bambino conteso dai genitori: il padre a Quarto, la madre in Inghilterra

Il decreto emesso dal tribunale per i minorenni di Napoli il 16 febbraio riguarda la vicenda di Claudio, un bambino di 4 anni e...

Napoli, ragazzino con coltello in tasca: denunciato

Operazione di controllo dei carabinieri da Bagnoli a Posillipo: 7 persone denunciate, sequestrata anche droga al rione Traiano

Ponticelli, era ubriaco Vincenzo Iovane: il pregiudicato che ha sparato dalla finestra

Era ubriaco e gli effetti dell'alcol gli hanno fatto pensare che poteva tornare in carcere. È questa la spiegazione più plausibile alla nuova sparatoria...

Agguato a Scampia: feriti il capo piazza Giancarlo Possente e un amico

I feriti sono Giancarlo Possente, capopiazza alla "33" per conto degli Abbinante e Pasquale Parziale ritenuto vicino alla Vanella Grassi

Camorra: stesa a Pianura contro la casa del boss Antonio Carillo

Napoli. Prima l'incendio di uno scooter parcheggiato in strada e poi una stesa di avvertimento. Torna la paura, tornano gli spari in via Evangelista...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE