Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Ultime Notizie Oggi

Napoli, pusher di Secondigliano nascondeva la droga nella spazzatura: arrestato

Pubblicato

in



Nico Sodano, di 20anni, è stato sorpreso ed arrestato dagli agenti del Commissariato di Polizia Secondigliano al termine di un servizio antidroga in Via dello Stelvio.
I poliziotti, nell’ambito di un servizio di appostamento, volto al contrasto dello spaccio di droga, particolarmente diffuso nel fine settimana, hanno notato il giovane mentre stazionava nei pressi dei porticati del civico 46.Di volta, in volta, il 20enne veniva avvicinato da alcuni giovani in scooter con i quali, dopo aver confabulato con loro, consegnava un involucro, prelevato da un cumulo di rifiuti poco distanti da lui, in cambio di denaro.
Osservato il modus operandi, gli agenti sono intervenuti bloccando lo spacciatore, trovato in possesso della somma di 220 euro suddivisa in banconote di vario taglio.
Nel cumulo di rifiuti, invece, all’interno di una busta in cellophane, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato 11 bustine termo-sigillate contenenti marijuana.
Il giovane è stato arrestato e condotto alle camere di sicurezza della Questura da dove, stamane, sarà prelevato e condotto in Tribunale per essere processato con rito direttissimo.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Campania

Polemiche medici, Scotti e Zuccarelli: ‘Il solo nemico è il virus’

Pubblicato

in

scotti silvestro

«L’enorme sforzo che tutti i medici stanno facendo per fronteggiare questa seconda ondata non deve minare l’unità della categoria. Nonostante sia comprensibile lo stress e la frustrazione di non riuscire a tener testa allo spaventoso incremento dei contagi, credo sia importante, oggi più che mai, trasmettere un sentimento di unità e solidarietà».

È un appello accorato quello che arriva dal presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli Silvestro Scotti e dal vice presidente Bruno Zuccarelli per far comprendere quanto siano sterili agli occhi dei cittadini le polemiche che negli ultimi giorni hanno investito i professori e medici della Federico II e le elezioni ordinistiche. «Combattiamo un nemico che non ha pietà di nessuno – ricordano Scotti e Zuccarelli -, lo facciamo mettendo tutti lo stesso impegno e la stessa professionalità. Prima di essere professori, specialisti o specializzandi siamo medici. Siamo coloro ai quali i cittadini guardano in questo momento con animo di speranza. Essere uniti è una nostra responsabilità, esattamente come lo è curare chi ha bisogno. Questa battaglia la si vince solo se si resta uniti. Il solo nemico che dobbiamo combattere è il virus». Chiare anche le ragioni che hanno spinto l’Ordine a convocare le elezioni per il rinnovo delle cariche.

«Si tratta di un atto dovuto – dicono Scotti e Zuccarelli -, se non lo avessimo fatto avremmo esposto l’Ordine dei Medici di Napoli ad una procedura di commissariamento, condizione che lascerebbe i medici napoletani privi dalle prerogative di difesa della professione e i cittadini privi di una voce istituzionale legata a principi di etica e deontologia che possa intervenire su scelte che fossero difformi da questi principi». Tuttavia, solo il Ministero della Salute può decidere un’eventuale prorogatio e conseguente spostamento delle elezioni. Impossibile per l’Ordine dei Medici di Napoli anche la decisione, in autonomia, di procedere con votazioni on line, visto che solo la Federazione Nazionale può accreditare una piattaforma certificata e dettare modalità di voto “agile”. In questo contesto, l’Ordine dei Medici di Napoli ha già adottato e fatto verificare da organi pubblici di controllo, ogni possibile precauzione atta a rendere sicura la fase di voto e di scrutinio. Infine, rispondendo a quanti hanno lamentato un blocco delle iscrizioni, Scotti e Zuccarelli ricordano quanto previsto dalle attuali normative che prevedono, in vista delle elezioni, il blocco alle nuove iscrizioni al fine di non alterare la regolarità delle stesse.

Continua a leggere

Le Notizie più lette