PUBBLICITA'

Politica

Fanpage: ‘La nostra cronista aggredita sta bene’. Il sindacato dei giornalisti chiede di identificare gli aggressori


PUBBLICITA'

“Questa mattina una nostra cronista, Gaia Bozza, e’ stata aggredita da alcune persone alla presentazione dei candidati del Pd a Salerno. La collega e’ stata spintonata e colpita da uno schiaffo sulla telecamera, riuscendo a evitare un altro colpo. Gaia, per fortuna, non e’ ferita, sta bene, e non ha dovuto ricorrere a cure mediche”. Cosi’ la redazione del giornale on line racconta i fatti avvenuti oggi durante l’avvenimento in cui Roberto De Luca ha annunciato le proprie dimissioni. La redazione di Fanpage.it stigmatizza quanto successo e chiede l’aiuto di tutti “affinche’ il clima che si e’ creato attorno alla nostra inchiesta Bloody Money non diventi ancora piu’ pesante”. Gaia Bozza, il direttore Francesco Piccinini e tutta la redazione “ringraziano i lettori per le numerose dimostrazioni di solidarieta’ che stanno giungendo in redazione. Noi andiamo semplicemente avanti con il nostro lavoro”, conclude la nota della redazione, che allega il video con quanto accaduto.
“Dopo le testate di Ostia arrivano gli schiaffi a Salerno. L’aggressione alla giornalista di Fanpage Gaia Bozza da parte di sostenitori di De Luca avvenuta a Salerno e’ un gesto vergognoso. Esprimiamo solidarieta’ alla collega e ci aspettiamo adesso che con la stessa solerzia con cui e’ stata perquisita la redazione del giornale per scoprire le fonti dei cronisti, vengano identificati gli autori dell’aggressione”. E’ quanto affermano Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, e Claudio Silvestri, segretario del Sindacato unitario giornalisti Campania.

“La mia solidarieta’ alla giornalista di @fanpage Gaia Bozza, aggredita a Salerno. C’e’ un brutto clima di tensione che non fa bene a nessuno, soprattutto alla vigilia delle elezioni”. Cosi’ su Twitter il Presidente del Senato e leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso. “Solidarietà a Gaia Bozza, giornalista di Fanpage, da parte mia e di tutto il Pd”. Così Matteo Richetti, responsabile comunicazione del Pd, a proposito della giornalista allontanata in malo modo da un comizio del Pd. “Solidarieta’ alla giornalista di Fanpage Gaia Bozza. Le aggressioni a chi fa con serieta’ e impegno semplicemente il proprio mestiere sono inaccettabili. In questi giorni, in particolare in Campania si respira un clima troppo pesante nei confronti della informazione libera”: lo scrive su Twitter l’esponente di Liberi e Uguali Arturo Scotto. “Il compito dei giornalisti e’ informarci, fare domande, aiutarci a interpretare la realta’. Chi lo fa non si merita certo ne’ insulti, ne’ spintoni ne’ schiaffi. Ancor piu’ non se lo meritano i giornalisti e le giornaliste che lavorano a Fanpage, in prima linea per un giornalismo coraggioso e rigoroso. A tutti e a tutte loro va la nostra solidarieta’. I dirigenti del Pd trovino il tempo per chiedere scusa per quanto avvenuto a Salerno”. Lo afferma Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali.”Esprimo solidarietà alla cronista di Fanpage Gaia Bozza, oggi aggredita durante una kermesse del PD a Salerno. Lo faccio da giornalista nei confronti di una collega che stava facendo il proprio lavoro. Lo faccio anche da candidato politico, dispiaciuto ma anche preoccupato che il partito di governo tratti così chi fa le domande. Da quando mi sono candidato in tanti mi hanno chiesto del rapporto fra il MoVimento 5 Stelle e i giornalisti, nessuno invece chiede conto a Gentiloni di quello che fanno i suoi uomini in Campania non solo rispetto a un’indagine della magistratura ma anche e soprattutto rispetto a un’inchiesta giornalistica, nei confronti della quale De Luca e Renzi hanno usato parole di evidente delegittimazione”. Così su Facebook Emilio Carelli, giornalista candidato del MoVimento 5 Stelle alle prossime elezioni politiche.



PUBBLICITA'