Torre Annunziata. Le prove erano insufficienti e per questo il gup Claudia Picciotti del Tribunale di ha assoltiosette dei dieci carabinieri accusati di essere a libro paga del boss del piano di Boscoreale, Franco Casillo a’ vurzella. Si tratta di Francesco Vecchio, Franco De Lisio, Antonio Formicola, Antonio Santaniello, Catello Di Maio, Antonio Paragallo e Santo Scuderi. Per il boss Franco Casillo il boss che era riuscito a costruire un i,ntero quartiere a Vitulazio in provincia di Caserta grazie agli incassi dello spaccio, è arrivata invece la condanna  a 10 anni di reclusione, per le attenuanti e per aver collaborato in questa inchiesta. Stessa pena. Anche il suo avvocato Giovanni De Caprio, è stato condannato a 10 anni di carcere per aver reimpiegato proventi della droga anche in un’azienda che produce vini e avrebbe fatto da intermediario tra Casillo e i carabinieri ancora sotto processo. Infine, 8 anni di reclusione per Aniello Casillo, fratello boss. Nelle prossime settimane ci sarà invece la prima udienza del processo chesi svolge con il rito ordinario e a cui hanno deciso di accedere gli altri imputati tra cui l’ex comandante del nucleo investigativo Pasquale Sario, oggi tenente colonnello in servizio a Roma, che avrebbe accettato regali, soldi e vacanze da Casillo per fare carriera.Sario nel maggio scorso è stato sospeso per un anno dal servizio con l’accusa di concor­so esterno nell’associazione finalizzata al traffi­co di stupefacenti capeggiata dal boss di Boscoreale, France­sco Casillo, alias ‘a vurzella.Con lui ci sono il maresciallo Sandro Acunzo, detto “mazinga” già ai domiciliari e condannato per altre vicende e considerato l’uomo chiave dell’inchiesta. Secondo la dda che ha condotto le indagini in accordo con il boss Franco casillo gli rivendeva parte della droga sequestrata in cambio di “soffiate” per compiere arresti eccellenti di latitanti. E ancora il maresciallo Gaetano Desiderio, anche lui gravato da pesanti accuse, e i trafficanti di droga Orazio Bafumi e Luigi Izzo.L’ e il processo riguardano una serie di gravissimi episodi avvenuti tra il 2008 e il 2011 al comando carabinieri di Torre Annunziata e in particolare al “Piano Napoli” di Boscoreale. Tra il gruppo di spaccia­tori capeggiato da Francesco Casillo e la compa­gnia dei carabinieri, ritiene la Procura, era stato stipulato un patto. Il boss forniva dritte per portare a termine prestigiose operazioni di servizio, i carabinieri in cambio gli consentivano tenere per se parte della droga e poi rivenderla o addirittura arrestavano con indizi fabbricati a tavolino i suoi rivali. Non solo: Casillo e un altro coindagato di Sa­rio, Orazio Bafumi, sono accusati anche di avere aiutato a sfuggire alla cattura il latitante Carmi­ne Maresca, all’epoca dei fatti minorenne, che, nel corso di una rapina alle poste di Pagani, ave­va assassinato a sangue freddo il tenente dei ca­rabinieri Marco Pittoni.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Toelettatura per cani: in cosa consiste e ogni quanto tempo farla

Assolti i 7 carabinieri accusati di essere al servizio del boss Casillo
di Redazione Cronache per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli col dubbio Albiol per la Lazio, Mario Rui: ‘Voglio festeggiare scudetto e compleanno insieme’

Notizia precedente

‘Genny Cesarano fu ucciso dalla totale indifferenza al valore della vita umana’: le motivazioni della sentenza

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..