Assolti i 7 carabinieri accusati di essere al servizio del boss Casillo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Torre Annunziata. Le prove erano insufficienti e per questo il gup Claudia Picciotti del Tribunale di Napoli ha assoltiosette dei dieci carabinieri accusati di essere a libro paga del boss del piano Napoli di Boscoreale, Franco Casillo a’ vurzella. Si tratta di Francesco Vecchio, Franco De Lisio, Antonio Formicola, Antonio Santaniello, Catello Di Maio, Antonio Paragallo e Santo Scuderi. Per il boss Franco Casillo il boss che era riuscito a costruire un i,ntero quartiere a Vitulazio in provincia di Caserta grazie agli incassi dello spaccio, è arrivata invece la condanna  a 10 anni di reclusione, per le attenuanti e per aver collaborato in questa inchiesta. Stessa pena. Anche il suo avvocato Giovanni De Caprio, è stato condannato a 10 anni di carcere per aver reimpiegato proventi della droga anche in un’azienda che produce vini e avrebbe fatto da intermediario tra Casillo e i carabinieri ancora sotto processo. Infine, 8 anni di reclusione per Aniello Casillo, fratello boss. Nelle prossime settimane ci sarà invece la prima udienza del processo chesi svolge con il rito ordinario e a cui hanno deciso di accedere gli altri imputati tra cui l’ex comandante del nucleo investigativo Pasquale Sario, oggi tenente colonnello in servizio a Roma, che avrebbe accettato regali, soldi e vacanze da Casillo per fare carriera.Sario nel maggio scorso è stato sospeso per un anno dal servizio con l’accusa di concor­so esterno nell’associazione finalizzata al traffi­co di stupefacenti capeggiata dal boss di Boscoreale, France­sco Casillo, alias ‘a vurzella.Con lui ci sono il maresciallo Sandro Acunzo, detto “mazinga” già ai domiciliari e condannato per altre vicende e considerato l’uomo chiave dell’inchiesta. Secondo la dda che ha condotto le indagini in accordo con il boss Franco casillo gli rivendeva parte della droga sequestrata in cambio di “soffiate” per compiere arresti eccellenti di latitanti. E ancora il maresciallo Gaetano Desiderio, anche lui gravato da pesanti accuse, e i trafficanti di droga Orazio Bafumi e Luigi Izzo.L’inchiesta e il processo riguardano una serie di gravissimi episodi avvenuti tra il 2008 e il 2011 al comando carabinieri di Torre Annunziata e in particolare al “Piano Napoli” di Boscoreale. Tra il gruppo di spaccia­tori capeggiato da Francesco Casillo e la compa­gnia dei carabinieri, ritiene la Procura, era stato stipulato un patto. Il boss forniva dritte per portare a termine prestigiose operazioni di servizio, i carabinieri in cambio gli consentivano tenere per se parte della droga e poi rivenderla o addirittura arrestavano con indizi fabbricati a tavolino i suoi rivali. Non solo: Casillo e un altro coindagato di Sa­rio, Orazio Bafumi, sono accusati anche di avere aiutato a sfuggire alla cattura il latitante Carmi­ne Maresca, all’epoca dei fatti minorenne, che, nel corso di una rapina alle poste di Pagani, ave­va assassinato a sangue freddo il tenente dei ca­rabinieri Marco Pittoni.




LEGGI ANCHE

Napoli, tenta di rubare cellulare a corso Umberto: arrestato 40enne

Un uomo di 40 anni, è stato arrestato per aver tentato di rubare il cellulare a una donna a Corso Umberto I, a Napoli. Gli agenti del Commissariato Decumani hanno intercettato la scena e bloccato il ladro. L'aggressione è avvenuta in prossimità di via Seggio del Popolo, quando gli agenti hanno notato uno scooter inseguire un uomo a piedi. Dopo aver raggiunto e bloccato il fuggitivo, è emerso che aveva appena sottratto il telefono a una turista...

Gianni Forte dopo le rapine riapre il punto gioco e chiede un “decreto Barra” come Caivano

L'imprenditore Gianni Forte ha riaperto il suo punto gioco in via Luigi Volpicella, quartiere Barra, dopo averlo chiuso a causa di una escalation di rapine. Forte aveva promesso di riaprire solo se lo Stato avesse dato una risposta immediata e concreta alla sua protesta. ''Avevo promesso la riapertura in caso di una riposta immediata dello Stato. E la riposta c'è stata. La presenza, oggi, delle istituzioni, testimonia la volontà di essere concretamente al fianco degli imprenditori....

Alla fiera Key debutta il trasformatore di Igf, primo prodotto della ex Whirlpool di Napoli

Alla fiera delle energie rinnovabili Key di Rimini, fa il suo debutto Italian Green Factory (IGF), la società appartenente al gruppo Tea Tek, fondata con l'acquisizione dell'ex sito Whirlpool di Napoli e l'assunzione dell'intero gruppo di lavoratori. Questa nuova azienda, nata solo poche settimane fa, ha presentato il suo primo prodotto: un trasformatore elettrico progettato per i power skid (l'isola di alimentazione principale di un impianto fotovoltaico), progettato per operare con fluidi biodegradabili e...

Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE