Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Napoli, sparavano sui passanti con pistole a piombino: fermati due 12enni

Pubblicato

in



. Continuano incessanti i controlli della Polizia di Stato nell’ambito del progetto “Sicurezza giovani”, volto alla prevenzione e controllo del fenomeno della violenza giovanile.Poco dopo le 20.00 i poliziotti del Reparto Prevenzione Crimine Campania sono intervenuti in Via Duomo, dove alcuni cittadini avevano segnalato due ragazzini che con pistole a piombino infastidivano i passanti.Gli agenti, prontamente intervenuti, hanno scovato i due ragazzini, entrambi 12enni, mentre tentavano di nascondersi all’interno di uno stabile. I due sono stati trovati in possesso di pistole giocattolo a piombino con tappo rosso.Le due pistole sono immediatamente state sequestrate ed i minori sono stati accompagnati in Questura e affidati alle rispettive madri.

Nella stessa serata di ieri, poco prima della mezzanotte, una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia, giunta in via Foria nei pressi di Piazza Cavour, ha notato un giovane alla guida di un ciclomotore liberty 50, che alla vista della Polizia ha tentato di invertire il senso di marcia accelerando, ma è stato raggiunto e bloccato.Dal controllo effettuato, i poliziotti hanno rinvenuto all’interno del vano portaoggetti del ciclomotore un coltello con una lama da cm.12.Il coltello è stato sequestrato ed il giovane è stato denunciato per il reato di detenzione di arma da punta e taglio. Inoltre è emerso che il 16enne era alla guida del ciclomotore senza aver mai conseguito la patente, e che il mezzo era provvisto di assicurazione. Per questi motivi sono stati elevati verbali al Codice della Strada ed il ciclomotore sottoposto a sequestro e fermo amministrativo.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Manifestazione al Vomero contro le chiusure, tensioni con le forze dell’ordine

Pubblicato

in

manifestazione vomero chiusure

Manifestazione al Vomero contro le chiusure, tensioni con le forze dell’ordine.

 

Alcune centinaia di persone si sono radunate a , nell’area di Piazza Vanvitelli e nel corso pedonale di Via Scarlatti, per protestare contro i provvedimenti del governo e della Regione Campania per il covid19.  Momenti di tensione con le forze dell’ordine che ad un certo punto hanno cercato di fermare il corteo che si stava snodando da piazza Vanvitelli, per  via Luca Giordano verso piazza degli Artisti e poi piazza Medaglie d’oro. Le forze dell’ordine hanno strappato uno striscione che teneva testa al corteo. “Vergogna, vergogna” hanno gridato all’indirizzo delle forze dell’ordine i manifestanti on le mani alzate. “Non ci possono fermare perchè siamo in orario consentito e noi stiamo passeggiando”. Poi è tornata la calma e i manifestanti hanno continuato a sfilare per le strade del Vomero. Cori anche all’indirizzo del governatore De Luca.

“Due metri di dissenso, prima sostegno e poi lockdown” e’ il cartello che circa trenta di loro avevano in mano nel corso di un sit in in via Scarlatti, protestando per la chiusura dei locali alle 18 e per il crollo del lavoro di attivita’ come le palestre. I manifestanti scandiscono “liberta’, liberta’”. L’area – nel quartiere Vomero – e’ presidiata da molte camionette delle forze dell’ordine. Ai commercianti, ai ristoratori e agli studenti si sono uniti anche gestori di palestre e personal trainer.. Domani, un’altra manifestazione di commercianti, sempre alle 22 e’ programmata in corso Secondigliano, nel quartiere Nord del capoluogo.

“Siamo alla disperazione, alla canna del gas – urla un commerciante – bloccate gli F24 e fate arrivare la cassa integrazione di maggio”. I manifestanti indossano le mascherine, ma qualcuno ha sul viso delle maschere di cartone che raffigurano il volto del governatore Vincenzo De Luca. In piazza ci sono anche alcuni docenti, che chiedono il ritorno alla didattica in presenza. “Quando la cura e’ peggiore del male, Portici si ribella contro il nuovo Dpcm”, recitava lo striscione portato da alcuni studenti della città vesuviana e che è stato strappato.

Continua a leggere

Le Notizie più lette