Il M5S accusa: ‘Su Terra dei Fuochi, Armando Cesaro se ne fregò degli agricoltori’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Gli esponenti della regione Campania del Movimento Cinque Stelle lanciano pesanti accuse contro Armando Cesaro: “Così il membro della commissione Terra dei Fuochi Cesaro se ne fregò degli agricoltori”. La campagna elettorale entra nel vivo. L’accusa della referente politica regionale Ciarambino e del capogruppo regionale Saiello: “Molto attenti alle esigenze dell’elettorato di potenti lobby, un po’ meno a quelle della stragrande maggioranza di cittadini che si ammalano per gli effetti devastanti dell’inquinamento sulle loro terre. Terre che i Cesaro, padre e figlio, battono da anni palmo a palmo per fare incetta di consensi, non certo per individuare soluzioni a devastazioni e morte. Uno spaccato inquietante emerge dall’ultima indagine sul sistema Cesaro, con il consigliere regionale Armando che, come riportano organi di stampa, decide di snobbare un incontro con gli agricoltori della Terra dei Fuochi. Categoria a cui la famiglia di Sant’Antimo avrà probabilmente attribuito una scarsa valutazione in quanto a influenza elettorale”. Così il referente politico campano e consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Valeria Ciarambino, e il capogruppo M5S al Consiglio regionale della Campania, Gennaro Saiello.

“L’atteggiamento di assoluto disinteresse sul dramma di quell’area nella quale i Cesaro vivono – sottolineano Ciarambino e Saiello – sfocia nell’ipocrisia della nomina del giovane Armando nella commissione regionale per la Terra dei Fuochi. Tematica per la quale il consigliere berlusconiano si è speso, ad oggi, soltanto con annunci slogan e con atti che non hanno fatto registrare nulla di concreto. Annunci e slogan che probabilmente continuerà a spendere nelle prossime settimane di campagna elettorale, che vedrà in prima linea i due Cesaro, entrambi indagati per voto di scambio con la consigliera regionale Flora Beneduce. Chissà se anche questa volta eviteranno di ascoltare la voce degli agricoltori della Terra dei Fuochi o se avranno il coraggio di affrontarli, infarcendo i loro comizi di vacue promesse e abili slogan alla maniera del loro padre padrone, il pregiudicato Silvio Berlusconi”.






LEGGI ANCHE

‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

"Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE