Cava, Cava, il barbiere assassino: ‘Mia moglie mi voleva cacciare di casa’


. , il barbiere di quarantotto anni che lunedì mattina ha ucciso la moglie , avrebbe motivato – con i sanitari che lo assistono – il gesto compiuto: “Ero esasperato da mia moglie. Non ce la facevo più. Voleva che lasciassi la casa. Ma io ho pagato il mutuo per quella casa e non me ne volevo andare”.E, nel ricostruire la vicenda, avrebbe anche raccontato di essere stato ferito proprio dalla donna nel disperato tentativo di difendersi. Versione smentita dal racconto del figlio Michele di cinque anni che ha assistito all’.Intanto il corpo senza vita di Nunzia è ancora custodito all’obitorio dell’ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni in attesa che il magistrato inquirente assegni l’incarico per l’esame autoptico che, in attesa dell’interrogatorio di , potrebbe aiutare a ricostruire l’esatta dinamica e sciogliere i dubbi investigativi sulla coltellata inflitta a Salvatore.Siani si è affidato ad un legale di fiducia, l’avvocato Agostino De Caro, che ieri mattina lo ha incontrato e chiesto agli inquirenti di sentirlo non appena le sue condizioni fisiche fossero più stabili. In sala operatoria i medici gli hanno messo un drenaggio polmonare, e visto che le sue condizioni cliniche si sono stabilizzate, ieri mattina la procura di Nocera Inferiore ha anche disposto il trasferimento al reparto detentivo dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, dove è ricoverato e piantonato dagli agenti della polizia penitenziaria. Infatti, sempre ieri, il gip di Nocera ha convalidato il fermo. Un provvedimento necessario anche per cercare di contenere le tensioni all’ospedale di Cava dove, proprio presso l’obitorio, continua l’andirivieni di persone che vogliono salutare Nunzia e partecipare al dolore dei suoi familiari.Nel reparto detentivo del Ruggi, Salvatore è sotto stretta osservazione: le sue condizioni psicologiche non sono delle migliori e anche i medici di Cava de’ Tirreni si sono raccomandati di fare attenzione.

LEGGI ANCHE  Covid, 114 nuovi casi a Torre Annunziata, scuole chiuse

Per il momento gli inquirenti stanno valutando diverse ipotesi. Questa, per il momento, la dinamica ufficiale: lunedì mattina Salvatore rincasa dopo aver accompagnato la figlia a scuola. Entra in casa e inizia a litigare con Nunzia in cucina. Prende un coltello e la minaccia. La colpisce sotto al seno, sul torace e poi alla gola. Lei potrebbe aver usato il coltello per difendersi dal marito, oppure lui potrebbe averlo conficcato da solo nel petto.
“Ho paura di Salvatore. Se lo lascio mi ammazza”, diceva spesso Nunzia al fratello Gianni. La sorella gli aveva raccontato che il marito aveva acquistato una pistola, poi ritrovata e sequestrata dai carabinieri, ma aveva anche detto, nel corso di quell’incontro a casa del fratello, di volere un po’ di tempo per lei. Per stare da sola e calmarsi. Di fatto, però, era rimasta a casa. Nella casa coniugale. Unica differenza rispetto a prima, andava a dormire dalla madre anziana che era sola e malata. In pratica, nella casa accanto alla loro. Salvatore scriveva spesso al cognato, chiedendo aiuto per risolvere i suoi problemi con la moglie. Diceva al cognato di amare Nunzia e di non poter stare senza di lei. Eppure, poi, con lei aveva atteggiamenti scostanti. La controllava ogni volta che usciva, in una circostanza l’aveva anche fatta seguire da un amico, le contestava qualsiasi spesa facesse.
Gli inquirenti stanno cercando anche e soprattutto di capire se Siani facesse uso costante di cocaina, dal momento che le analisi tossicologiche sono uscite positive. Era ossessionato dal fatto che la moglie voleva lasciarlo dopo vent’anni di vita insieme, tra fidanzamento e matrimonio, durante il quale la donna spesso si lamentava con lui della sua assenza in casa, come padre e come marito.

Il figlio più piccolo ha raccontato agli zii cosa è accaduto. Salvatore poco prima gli aveva dato cinque euro poi, entrato in casa, avrebbe trovato Nunzia vicino ai fornelli e prima le avrebbe dato uno schiaffo, poi le avrebbe tirato i capelli e presa a botte. Di qui il litigio avvenuto nella casa coniugale del quartiere Sant’Anna di . Lei che ha tentato di fuggire lui che le ha dato prima dei calci facendola cadere a terra e poi trascinata per tutta la stanza. Infine le coltellate assassine.
I tra figli di Nunzia, Giuseppe sedici anni, Marika di nove e Michele di appena cinque anni, hanno lasciato la loro casa lunedì mattina. Dopo la tragica morte della loro giovane madre, i familiari hanno deciso, se possibile, di proteggerli oltre che dal dolore anche dal fiume di notizie che rimbalzano sui social.Per cercare di seguirli in questi difficili momenti hanno pensato di separarli. Giuseppe, il maggiore, è stato affidato alle cure di una cugina della madre, che ha anche lei un figlio coetaneo con cui è stato spesso in compagnia. Marika è a casa del fratello Gianni, anche lui padre di un bambino al quale la piccola è molto legata. Michele, il più piccolo, e soprattutto l’unico che ha assistito alla straziante scena dell’, è andato a casa del fratello più anziano del padre. Una sistemazione che sarà in ogni caso momentanea. Il magistrato, infatti, ha spiegato ai familiari della coppia che al massimo fra dieci giorni saranno il Tribunale per i minori ed i servizi sociali a decidere sul loro destino.
Il figlio minore continuava a ripetere: “Papà ha ucciso mamma carabiniere tu hai la pistola: uccidi papà”. I due fratelli maggiori, Giuseppe e Marika, hanno appreso la notizia nel peggiore dei modi: leggendo i post su Facebook. “Ci hanno chiesto cosa fosse successo – dicono i familiari – non è stato possibile mentire”. Secondo quanto raccontato da parenti ed amici, Giuseppe è molto legato al papà con il quale condivide la passione per le moto. Dalla mattina della tragedia si è chiuso in un muro di silenzio, difficile da penetrare anche dai suoi cugini e parenti. “Nunzia era una mamma modello dice un’amica sempre presente, disponibile, amorevole. Lo era con tutte e tre, senza alcuna distinzione”.



Cronache Tv



Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Femminicidio a Faenza: la vita di Ilenia spezzata per 20mila euro e un’auto

La confessione davanti al Gip del killer assoldato dall'ex marito della vittima, ma il mandante non cede
Leggi tutto

Covid, 100mila morti in Italia: tra i peggiori del mondo

Im premier Draghi: "Ogni vita conta, non lasciare nulla di intentato"
Leggi tutto

Ecco come si moriva nella Rsa: nessun dispositivo anti-covid e anziani ‘depositati’ nella morgue

Stamane sono stati arrestati i titolari: Nicola Ramagnano di Marsicovetere e Romina Varallo di Polla
Leggi tutto

Napoli, controlli al Vomero: identificate 350 persone

Operazione interforze nelle zone della “movida”, in via Luca Giordano, via Scarlatti, piazzetta Fuga, via Falcone e ai giardini Nino...
Leggi tutto

Ragazzini lanciano arance contro ambulanza: il mezzo va fuori strada

E' accaduto a Caserta. Il mezzo di soccorso ha impattato contro il guardrail ed è inutilizzabile. Caccia ai teppisti
Leggi tutto

Napoli, intervento a Ghoulam perfettamente riuscito

Il terzino algerino si è operato quest’oggi a Villa Stuart per ricostruire il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.
Leggi tutto

Napoli, si è dimesso l’assessore alla Cultura, Eleonora de Majo

"Sono stata attaccata dal segretario della Lega, Matteo Salvini, e perseguitata sui social network per mesi dai suoi seguaci leghisti"
Leggi tutto

Napoli, Milik scrive a Ghoulam: ‘Forza amico mio’

 "Forza amico mio!". Questo il messaggio che Arek Milik ha mandato su Instagram all'ex compagno di squadra Faouzi Ghoulam
Leggi tutto

Covid: il sindaco Scafati chiude gli uffici comunali e il centro rifiuti

Limitare le occasioni di assembramenti di persone, questo l'obiettivo del sindaco di Scafati
Leggi tutto

L’arcivescovo di Benevento: ‘Vaccinate subito i detenuti’

"Da oltre un anno non possono vedere le loro famiglie". E' l'appello dell'Arcivescovo di Benevento, Felice Accrocca
Leggi tutto

Napoli, cassonetti della spazzatura occupano spazio riservato ai disabili

Borrelli (Europa Verde): "Nessun rispetto per i più deboli”
Leggi tutto

Napoli: si dimette l’assessore alla Cultura e al Turismo, Eleonora de Majo

"Termina oggi la mia esperienza di Assessora.", si dimette Eleonora de Majo
Leggi tutto

Salerno, incontro con la provincia: ‘Riapriamo la biblioteca’

I rappresentanti del gruppo studentesco Riapriamo la Biblioteca incontrano la consigliera provinciale Pasqualina Memoli e il dirigente Alfonso Ferraioli.
Leggi tutto

Palma Campania, cantieri aperti e da aprire: ecco quali

Dal Museo del Carnevale alla riqualificazione delle strade, passando per la costruzione di un nuovo asilo nido
Leggi tutto

Al via il polo vaccinale a San Giorgio a Cremano

Vaccinati i primi ultra ottantenni, Zinno: "Apertura in tempi record"
Leggi tutto

Portici, carabinieri arrestano pusher 22enne

E’ stato controllato in Via Immacolata e trovato in possesso di 2 involucri contenenti 6,8 grammi di marijuana e un...
Leggi tutto

Giovane rapinatore di Boscoreale suicida in una comunità di recupero

La tragedia a Villa di Briano. Il 16enne ha lasciato anche un biglietto per spiegare l'estremo gesto
Leggi tutto

Avellino, due microcellulari nel formaggio inviato al detenuto

La scoperta degli agenti penitenziari del carcere di Sant'Angelo dei Lombardi
Leggi tutto

Napoli: non si ferma all’alt e investe vigile urbano, arrestato

Positivo all'assunzione di sostanze psicotrope nonché tasso alcolemico elevato
Leggi tutto

Tenta di violentare banconista di un autogrill: identificato e arrestato

Si è fermato a un autogrill lungo il tratto irpino della A16 Napoli - Canosa per prendere un caffè, e,...
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..