Caserta: cade albero nel parco della Reggia e invade strada cittadina, nessun ferito

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un leccio alto quasi 20 metri nel Parco della Reggia di Caserta, posto in prossimità dell’ingresso del Parco in corso Giannone, è crollato al suolo ieri intorno alle ore 18. La chioma ha oltrepassato la cancellata invadendo il marciapiede. Non ci sono stati feriti, mentre la recinzione e un lampione hanno riportato piccoli danni. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno provveduto a liberare la strada. “Le cause del cedimento – spiega l’Ufficio stampa della Reggia di Caserta – sono dovute probabilmente alla vetustà dell’albero, associato alla mancanza di interventi di alleggerimento della chioma ed agli eventi atmosferici, il vento in particolare, che nel tempo ne hanno minato la stabilità. Un episodio che conferma una situazione critica dovuta alla assenza di attività di potatura, alleggerimento e sagomatura degli alberi di cui soffriamo da almeno quindici anni. Proprio in questi giorni però è stato completato l’iter di affidamento dei lavori urgenti di messa in sicurezza delle alberature e di recupero dell’architettura del verde storico del Parco e del Giardino inglese e pertanto inizieranno la prossima settimana gli interventi proprio sul lato prospiciente corso Giannone”. Contemporaneamente la Direzione della Reggia “ha affidato ad una società di agronomia la verifica specialistica con idonee attrezzature dello stato di salute e di stabilità degli alberi, che ci darà un quadro ancora più preciso e completo delle necessità di manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza del parco. La Direzione della Reggia si sta al riguardo organizzando per prevedere una ulteriore spesa straordinaria qualora l’indagine agronomica lo richiedesse”, conclude la nota.


Torna alla Home


Importantissima decisione delle Sezioni Unite della  Suprema Corte di Cassazione: cancellate milioni di intercettazioni in tutta Italia
Dal 2020 al 2024, si sono verificati 302 suicidi nelle carceri italiane. La Lombardia è stata la regione con il numero più elevato di suicidi in carcere negli ultimi anni (48), seguita dalla Campania (33). Questi dati sono stati resi noti in occasione dei presidi organizzati in 50 città italiane,...
L’iniziativa si aggiunge alle altre date simboliche per il Paese: 4 novembre e 2 giugno
Rosario D'Onofrio, ex procuratore capo dell'Associazione Italiana Arbitri (AIA), è stato condannato a Milano a una pena di 7 anni e 8 mesi di reclusione nell'ambito di un'indagine su un presunto maxi traffico internazionale di droga. La sentenza è stata emessa dal giudice Lidia Castellucci, che ha inflitto complessivamente...

IN PRIMO PIANO