Taxi: a Napoli telecamere a bordo contro aggressioni

SULLO STESSO ARGOMENTO

Telecamere nei taxi per fronteggiare aggressioni ai conducenti e per poter ricostruire la dinamica di possibili incidenti. E’ una delle misure previste dal protocollo in materia di sicurezza stradale siglato oggi tra il Comune di Napoli e la Fondazione ANIA, onlus dell’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici. Duecento i sistemi di video ripresa che saranno installati sui taxi e che saranno dotati di accelerometro, localizzatore Gps e doppia ottica che inquadra sia la strada che l’interno del veicolo. Il dispositivo sara’ cosi’ “testimone” di quanto accade sulla strada in modo da tutelare i conducenti in caso di aggressione, furti o rapine, e ricostruire le dinamiche degli incidenti. Obiettivo dell’intesa e’ “aumentare i livelli di sicurezza stradale in citta'”. Alla firma hanno partecipato gli assessori ai Trasporti e alla Polizia municipale, rispettivamente, Mario Calabrese e Alessandra Clemente, e Umberto Guidoni, segretario generale della Fondazione ANIA. Il protocollo prevede, inoltre, che nei prossimi tre anni saranno sviluppati progetti di formazione nelle scuole superiori di Napoli con lezioni teoriche e pratiche sulle corrette tecniche di guida.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 20 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 20 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato. Approfitta di questa carica...

Napoli, due rapine a distributore di carburante nello stesso giorno: arrestato

Napoli: 2 rapine in un giorno. Prima le mani al collo di una dipendente poi la rapina a mano armata in un altro distributore. Carabinieri arrestano 37enne

Rapinano una commerciante a Telese Terme: denunciati 3 giovani

Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita e della Stazione di Telese Terme (BN), a conclusione di attività d’indagine, denunciavano alla Procura della Repubblica...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE