La camorra sfida lo Stato e la Chiesa: bomba a due passi dal Duomo di Acerra prima dei funerali di don Riboldi

SULLO STESSO ARGOMENTO

I signori del pizzo per dimostrare la loro protervia scelgono un giorno storico per Acerra e la lotta camorra: quello dei funerali di don Antonio Riboldi. Stanotte intorno alle due una bomba  ad alto potenziale esplosivo ha devastato la ditta di onoranze funebri Pacilio che si trova nel centro storico di Acerra, a due passi dal Duomo proprio in cui si trovano le spoglie di don Riboldi e dove è stata allestita la  camera ardente in attesa dei funerali di oggi pomeriggio del vescovo anticlan.
Un segnale forte. Una sfida a chi come don Riboldi la lotta alla camorra l’aveva fatta in prima persona facendo nascere fin dagli inizi degli anni Ottanta i primi comitati anticamorra nella provincia di napoli e organizzando le marce. La ditta Pacilio non è la prima volta che subisce attentati. Anzi. E’ addirittura il nono in due anni. L’attentato sicuramente avrà ripercussioni anche a livello nazionale.

 






LEGGI ANCHE

Stupri a Caivano, il gip dispone il rito immediato per i 7 minorenni

Il gip del tribunale dei minorenni di Napoli, Umberto Lucarelli, ha accolto le richieste della procura e disposto il giudizio immediato per i 7...

Anche per i due maggiorenni degli stupri a Caivano si farà il processo immediato

Il gip del Tribunale di Napoli Nord ha disposto il giudizio immediato per i due maggiorenni coinvolti negli stupri delle due cuginette di 10...

Stasera in Tv: la programmazione di questa sera , 20 febbraio 2024.

Ecco la programmazione tv, di questa sera, 20 febbraio 2024, sui principali canali italiani: Rai 1: alle 21:30 "Aline- La voce dell'amore" Rai 2: alle 21:20...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE