Caivano, vendevano botti illegali in strada: arrestati padre e figlio

SULLO STESSO ARGOMENTO

I carabinieri della tenenza di Caivano hanno arrestato Vincenzo e Antonio Recano, 42 e 21 anni, padre e figlio, entrambi residenti nel parco Verde. I militari hanno bloccato il 21enne mentre senza alcuna autorizzazione vendeva artifici pirotecnici esposti in una baracca in legno nei pressi del locale campo sportivo. Di fronte alla baracca, all’interno della rivendita di ricambi auto del padre, sono state invece rinvenute 14 bombe del tipo chiamato “cipolla”, veri ordigni catalogati come ordigni improvvisati e altro materiale esplodente, per 12 kg in totale.
Sul posto sono intervenuti gli artificieri antisabotaggio del Comando Provinciale di Napoli per la catalogazione e il trasporto in sicurezza. I carabinieri della stazione di Bacoli hanno invece denunciato un operaio 32enne del luogo ritenuto responsabile di detenzione e commercio abusivo di materiale esplodente. Durante una perquisizione in un capannone agricolo in via Cornelia dei Gracchi, riconducibile all’operaio, i militari hanno rinvenuto e sequestrato 385 kg. di materiale pirotecnico di quinta categoria pronto per la vendita illegale.



Torna alla Home

telegram

LIVE NEWS

Oltre 300 persone controllate tra Arzano, Caivano e Frattamaggiore

I comuni dell'area a Nord di Napoli sono stati passati al setaccio dalla polizia nel corso della giornata di ieri in distinte operazioni di controllo. Sotto la lente sono finiti i comuni dove la diffusione della microcriminalità e di episodi di delinquenza quotdiana sono all'ordine del giorno come Arzano, Caivano...

Caivano: scuole e verde, prosegue l’opera di riqualificazione

Continuano a ritmo serrato i lavori di sfalcio e pulizia del verde pubblico e delle aiuole del Comune di Caivano. Gli interventi, disposti dai commissari straordinari Filippo Dispenza, Simonetta Calcaterra e Maurizio Alicandro, mirano a restituire decoro alla città e alle scuole, che versavano in stato di degrado e...

CRONACA NAPOLI