Aversa, piante di marijuana e pistole nel garage: arrestato un 51enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

I carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa, in provincia di Caserta, hanno arrestato per coltivazione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e per detenzione abusiva di armi da sparo, un 51enne, Antonio C.. Nel corso di una perquisizione domiciliare, i militari hanno accertato che, all’interno di un garage nella disponibilità dell’uomo, era stata realizzata una piantagione di marijuana, composta da tre piccole serre, dotate di impianti di illuminazione artificiale e riscaldamento. Sono state rinvenute e sequestrate 27 piante dell’altezza di 1,50 metri circa; 43 di marijuana essiccata, già lavorata e pronta per la vendita; tre lampade alogene; due ventilatori; quattro ventole, nonché materiale vario per il confezionamento e la lavorazione della sostanza stupefacente. Nascoste nel garage, inoltre, i carabinieri hanno recuperato due pistole tipo giocattolo, artigianalmente modificate con canne perforate ed idonee ad offendere. L’arrestato è rinchiuso nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.






LEGGI ANCHE

A Scena Teatro workshop con Giuseppe Sartori ‘Premio Stampa Teatro’

Workshop teatrale con Giuseppe Sartori: "Premio Stampa Teatro" Il “Teatralmente parlando” è il workshop che si terrà presso l'Auditorium del centro sociale di Salerno...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE